CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

INCONTRO ALL’ARAN SU REVISIONE PROFILI PROFESSIONALI ATAINCONTRO ALL’ARAN SU REVISIONE PROFILI PROFESSIONALI ATA
SANZIONI DISCIPLINARI, DI MEGLIO: TROPPI ABUSI, MODIFICARE IL SISTEMASANZIONI DISCIPLINARI, DI MEGLIO: TROPPI ABUSI, MODIFICARE IL SISTEMA
TAVOLO ATA: Incontro al MIUR del 24.10.2019 TAVOLO ATA: Incontro al MIUR del 24.10.2019
FORMAZIONE E ABILITAZIONE: PROSEGUE IL CONFRONTO SUL DISEGNO DI LEGGEFORMAZIONE E ABILITAZIONE: PROSEGUE IL CONFRONTO SUL DISEGNO DI LEGGE

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

PRECARI, CORTE GIUSTIZIA EUROPEA: DEPOSITATE CONCLUSIONI, SENTENZA A BREVE
Comunicato

CORTE_EUROPEASi preannuncia una vittoria per i precari della scuola italiana che tra qualche settimana conosceranno la sentenza della Corte di Giustizia europea sull'abuso dei contratti a tempo determinato per oltre 36 mesi. Le conclusioni dell’avvocato generale Maciej Szpunar, depositate ieri mattina a Lussemburgo, riconoscono le ragioni che i precari, anche grazie alla Federazione Gilda-Unams, sono riusciti a portare all'attenzione della giustizia comunitaria.

“Le conclusioni di Szpunar – spiega l'avvocato Tommaso De Grandis, legale rappresentante della Gilda-Unams nel procedimento - sono fondamentali sia perché straordinariamente chiare, sia perché hanno un peso importante per la decisione della III sezione della Corte che, a questo punto, potrà finalmente decidere, presumibilmente tra qualche settimana”.

Ecco, in sintesi, i punti più salienti delle conclusioni:

lo Stato italiano ricorre alle supplenze per soddisfare esigenze permanenti e durevoli del settore scuola;

la normativa nazionale è formulata in maniera generica e astratta;

non aver fissato un termine per l’indizione di concorsi, genera una grave incertezza totale nel sistema di reclutamento del settore scuola;

le restrizioni di natura finanziaria non possono giustifcare il ricorso abusivo di contratti a tempo determinato;

il Governo italiano non ha dimostrato elementi concreti di giustificazione; dalle decisioni di rinvio emerge che il solo settore scolastico è escluso dal regime del risarcimento del danno a causa della (iniqua e ingiusta) sentenza della Corte di Cassazione nr. 10127/2012.

 

 

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 

Iscrizione FGU

 

EuroCQS

 

Locandina-gilda-1200x1200

 

corsi_formazione_art_33

 

Assicurazione Iscritti Gilda AIG Europe

 

 

caf_anmil

 

caf_acli

bannerinofgu2

 

cgs_logo

logo-centrostudigilda

 

professione_docente_logo

ATA

CONTRATTAZIONI INTEGRATIVE

cdr