faq_sciopero_scrutini

GILDATV

Ultime Notizie

ATA, concertazione del 25 giugno 2015ATA, concertazione del 25 giugno 2015
BLOCCO CONTRATTI, GILDA: “PRONUNCIA CONSULTA MONITO PER IL GOVERNO”BLOCCO CONTRATTI, GILDA: “PRONUNCIA CONSULTA MONITO PER IL GOVERNO”
Organici personale ATA 2015.2016 - Apertura tavolo di concertazioneOrganici personale ATA 2015.2016 - Apertura tavolo di concertazione
Proroga graduatorie supplenze scuole italiane all'esteroProroga graduatorie supplenze scuole italiane all'estero

Rassegna Stampa

Login




cicogna

 

 

CCNQ SUI NUOVI COMPARTI DI CONTRATTAZIONE: CONTESTATA DA TUTTI I SINDACATI LA DIRETTIVA
Contratti e Norme

Si è aperto lunedì 19 all’Aran il tavolo di trattativa sui nuovi comparti e aree di contrattazione con le Confederazioni rappresentative.

Il Commissario dell’Aran dott. Naddeo ha illustrato i contenuti dell’Atto di indirizzo inviato dal ministro Brunetta, mettendo in evidenza  l’inderogabilità delle scelte fatte dal Governo con il Decreto legislativo 150/09 che riduce a 4 i comparti di contrattazione con le corrispondenti aree dirigenziali.

Si tratta, secondo il Commissario, di un processo di semplificazione necessario con il quale riordinare definitivamente la materia contrattuale aggregandola su 4 macro contratti.

E’ stato chiarito come due dei quattro comparti previsti sono destinati uno agli Enti locali ed uno alla Sanità, mentre gli altri due restano disponibili per le Amministrazioni centrali e la Scuola.

Proprio sulla Scuola l’atto di indirizzo fa un riferimento specifico alla sua peculiarità in termini numerici (1.200.000 addetti), tale da impedire aggregazioni con altri comparti numerosi senza determinare forti squilibri.

(...)

Leggi tutto sul sito CGU

cgu_logo

CCNQ SUI NUOVI COMPARTI DI CONTRATTAZIONE:

CONTESTATA DA TUTTI I SINDACATI LA DIRETTIVA

           

Si è aperto lunedì 19 all’Aran il tavolo di trattativa sui nuovi comparti e aree di contrattazione con le Confederazioni rappresentative.

Il Commissario dell’Aran dott. Naddeo ha illustrato i contenuti dell’Atto di indirizzo inviato dal ministro Brunetta, mettendo in evidenza  l’inderogabilità delle scelte fatte dal Governo con il Decreto legislativo 150/09 che riduce a 4 i comparti di contrattazione con le corrispondenti aree dirigenziali.

Si tratta, secondo il Commissario, di un processo di semplificazione necessario con il quale riordinare definitivamente la materia contrattuale aggregandola su 4 macro contratti.

E’ stato chiarito come due dei quattro comparti previsti sono destinati uno agli Enti locali ed uno alla Sanità, mentre gli altri due restano disponibili per le Amministrazioni centrali e la Scuola.

Proprio sulla Scuola l’atto di indirizzo fa un riferimento specifico alla sua peculiarità in termini numerici (1.200.000 addetti), tale da impedire aggregazioni con altri comparti numerosi senza determinare forti squilibri.

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon