Ultime Notizie

SCUOLE ITALIANEALL'ESTERNO, INCONTRO AL MAECI DEL 4.10.2017SCUOLE ITALIANEALL'ESTERNO, INCONTRO AL MAECI DEL 4.10.2017
RISORSE ECONOMICHE, IN ARRIVO RETRIBUZIONE DI RISULTATO PER I DS E RESTANTE 20% DI BONUS RISORSE ECONOMICHE, IN ARRIVO RETRIBUZIONE DI RISULTATO PER I DS E RESTANTE 20% DI BONUS "MERITOCRATICO" DEI DOCENTI
5 ottobre 2017 - Giornata mondiale dell'Insegnante - Dalla scuola della Costituzione alla 5 ottobre 2017 - Giornata mondiale dell'Insegnante - Dalla scuola della Costituzione alla "Buona Scuola", passando per Don Milani
Anno di prova nei Licei Musicali, richiesta di incontro urgente Anno di prova nei Licei Musicali, richiesta di incontro urgente

Login




cicogna

 

 

graduatorie_istituto_2017_20

RICORSO FGU SU BLOCCO CONTRATTO, SCATTO ANZIANITA' 2013 E DIRITTI SINDACALI

RICORSO_scatto_2013.fwIniziativa legale della Federazione Gilda Unams contro il blocco del rinnovo contrattuale, per il recupero dello scatto di anzianità 2013 e in difesa del diritto sindacale alla contrattazione. Con un unico ricorso, al quale aderiscono circa 1400 insegnanti in 26 province, la Fgu porta in tribunale davanti al giudice del lavoro le questioni che finora hanno maggiormente danneggiato economicamente i docenti italiani.

"La nostra azione giudiziaria – spiega l'avvocato Tommaso De Grandis, responsabile dell'ufficio legale Fgu – verte su quattro importanti aspetti.

Leggi tutto...
 
AMBITI TERRITORIALI: DAL MIUR CRITERI INACCETTABILI, DI MALE IN PEGGIO
Comunicato

 ambiti territoriali"Contestiamo con forza la definizione degli ambiti territoriali che ci è stata illustrata questa mattina al Miur". Così la Fgu-Gilda degli Insegnanti commenta l'esito dell'incontro che si è svolto a viale Trastevere su ambiti territoriali e mobilità.

"I criteri che il tavolo tecnico del Miur avrebbe predisposto per la costituzione degli ambiti – spiega la delegazione del sindacato che ha partecipato all'incontro – rappresentano una grave minaccia per il diritto dei docenti alla titolarità della cattedra nella propria scuola. E' chiaro che i parametri individuati dal ministero sono funzionali alla chiamata diretta degli insegnanti da parte dei dirigenti scolastici, uno dei pilastri su cui si fonda la legge 107 e contro cui continueremo a batterci con ogni strumento possibile".

Ecco i criteri delineati dall'amministrazione per la definizione degli ambiti territoriali:

Leggi tutto...
 
Legge 107, avanti tutta con il referendum abrogativo
Comunicato
trash_107La Gilda degli Insegnanti prosegue la battaglia contro la riforma dell´istruzione e rilancia il referendum abrogativo delle parti della legge 107 ritenute più deleterie per il mondo della scuola.

La direzione nazionale del sindacato, riunitasi nei giorni scorsi, ha deciso di andare avanti sulla strada referendaria e ha individuato le maggiori criticità su cui incardinare i quesiti abrogativi: chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici; ambiti territoriali; schedatura degli studenti, con la pubblicazione online dei loro profili scolastici; inserimento di alunni e genitori dei comitati di valutazione.

"La direzione nazionale – spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda – ha deciso di lanciare un appello a tutte le associazioni e le organizzazioni sindacali e politiche per coinvolgere il maggior numero di soggetti possibile e trovare la massima unità, dichiarandosi disponibile a coalizzarsi anche con organizzazioni che promuovono referendum su altri temi, come l´abolizione del Jobs Act, e a confrontarsi per trovare un unico comune denominatore".

 

Roma, 24 novembre 2015
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

 
FASE C, GILDA: CAOS PER ASSEGNAZIONI SEDI, MIUR EMANI NOTA ESPLICATIVA
Comunicato

caos"A causa della disorganizzazione del Miur, le operazioni per le assegnazioni delle sedi agli immessi in ruolo della fase C sono iniziate nel caos assoluto".

La denuncia arriva dalla Gilda degli Insegnanti che punta l'indice contro il ministero dell'Istruzione, colpevole di non aver emanato una nota scritta con le indicazioni precise relative alle modalità da seguire per lasciare le supplenze e accettare il posto di ruolo nell'organico potenziato.

"Dai provveditorati di tutta Italia – spiega il sindacato – ci giungono notizie di docenti che brancolano nel buio e non sanno come procedere. I dubbi più frequenti riguardano l'ordine con cui sono composte le graduatorie provinciali e nazionali, la data in cui è possibile lasciare la supplenza e prendere la cattedra di ruolo e il destino dei docenti in servizio con contratto 'fino ad avente diritto'.

Per dirimere questo caos – conclude la Gilda – chiediamo al Miur di emanare immediatamente una nota di chiarimento che fornisca indicazioni univoche e dettagliate".

 

Roma, 23 novembre 2015

 
ASSUNZIONI, DI MEGLIO: PD FA PROPAGANDA, LEGGE 107 DELETERIA PER SCUOLA
Comunicato

truth_o_meter"Decantare le immissioni in ruolo come stanno facendo in queste ore numerosi esponenti del Pd con le loro dichiarazioni, significa fare propaganda e mistificare la realtà perché il piano straordinario di assunzioni rappresenta soltanto una parte di una riforma che, invece, è fortemente deleteria per la scuola italiana".

È quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

"Per giunta – continua Di Meglio – non dimentichiamo che le assunzioni non sono una concessione elargita dal Governo, ma un atto dovuto in seguito alla sentenza della Corte di Giustizia europea.

Inoltre le stabilizzazioni portate dalla legge 107 sono soltanto una parte di quelle stabilite dalla Corte di Lussemburgo: su 200mila precari che avevano diritto all'assunzione, finora ne sono stati immessi in ruolo circa 70mila e ai 180mila previsti dal Governo si arriverà grazie al turn over".

Il coordinatore della Gilda sottolinea poi che "le norme peggiori della cosiddetta 'Buona scuola', come la chiamata diretta degli insegnanti da parte dei dirigenti, entreranno in vigore dal prossimo anno scolastico. A questo obbrobrio ci siamo opposti ancora una volta ieri pomeriggio durante un incontro convocato al Miur per discutere degli ambiti territoriali".

"Se il presidente del Consiglio e il suo partito hanno la memoria corta – conclude Di Meglio – ricordiamo loro che la risposta netta e unitaria del mondo della scuola alla riforma l'hanno data le migliaia e migliaia di docenti che hanno scioperato e sono scese in piazza in tutta Italia il 5 maggio scorso".

Roma, 11 novembre 2015

 
22 OTTOBRE, ORE 10, PERSONALE ATA IN PIAZZA DAVANTI AL MIUR
ATA

ata_2210201522 OTTOBRE, ORE 10, PERSONALE ATA IN PIAZZA DAVANTI AL MIUR

per ribadire l'importanza delle funzioni che svolge nella scuola e denunciare la scarsa considerazione in cui vengono tenute dal governo e da scelte legislative lacunose o sbagliate.


Contro una situazione che si è fatta ormai insostenibile il personale ATA scende in piazza per sostenere, forte delle sue ragioni, precisi obiettivi:


- un piano di assunzioni che assuma come priorità la stabilizzazione del personale precario,
- la modifica delle norme che proibiscono di sostituire i lavoratori assenti
- la piena e corretta applicazione delle norme contrattuali
- lo stop ai tagli di organico e all'esternalizzazione dei servizi.
- la fine dei disservizi SIDI, un sistema informatico che impedisce alle segreterie scolastiche di lavorare serenamente.

Leggi tutto...
 
PIÙ VALORE ALLA SCUOLA PIÙ VALORE AL PAESE - Manifestazione nazionale - Roma, 28 novembre 2015
Comunicato
manifestazione_28_novembre_2015
 
RICORSO UNITARIO CONTRO L'ESCLUSIONE DI PRECARI E EDUCATORI DALLA CARTA DEL DOCENTE
Comunicato

discriminazioneProsegue l'iniziativa legale dei sindacati su ciò che non va nella "buona scuola": impugnato iloo_ss_unitarie provvedimento che esclude i docenti precari e gli educatori dalla fruizione della carta del docente

I ricorsi sono stati presentati unitariamente al Tar Lazio da FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS-Confsal e GILDA-Unams.
Dopo il ricorso presentato contro l'esclusione dal piano di straordinario di assunzioni di numerosi lavoratori precari della scuola (docenti e Ata) che pure ne avevano i requisiti, ora i sindacati hanno impugnato unitariamente il provvedimento che esclude i docenti precari e gli educatori impegnati nei convitti e negli educandati dalla possibilità di poter fruire della "Carta del docente", con la quale si assegna a ogni insegnante un importo nominale di 500 euro per ciascun anno scolastico, con la finalità di sostenere le attività di formazione e aggiornamento culturale e professionale.

Leggi tutto...
 
SALTA IL CALENDARIO DEGLI INCONTRI SULLA MOBILITÀ
Relazioni sindacali
rotturaRELAZIONE SU INCONTRO TRA OO.SS. E AMMINISTRAZIONE SUL CONTRATTO RELATIVO ALLA MOBILITA' 2016-17
SALTA IL CALENDARIO DEGLI INCONTRI SULLA MOBILITÀ

 

Il pomeriggio del 12 novembre alle ore 14.00 si è tenuta la prevista riunione concernente l'avvio della contrattazione sul CCNI relativo alla mobilità.
Le OO.SS. hanno preso atto con disappunto che l'amministrazione intendeva procedere all'esame della parte contrattuale sulla mobilità del personale ATA in assenza del direttore di dipartimento e senza affrontare i nodi dirimenti politici e sindacali sull'applicazione della legge 107 sulla fase della mobilità straordinaria e sull'interpretazione della legge in merito alla formazione degli organici.

Leggi tutto...
 
Scuola senz'ATA, scuola incartata! Manifestazione a Roma
ATA

manifestazione_ATA_22ott2015_ANPA_miniGiovedì 22 ottobre 2015

Questa mattina il personale ATA della FGU, insieme con le altre sigle sindacali, ha manifestato davanti alla sede del MIUR, in viale Trastevere a Roma, dove si è svolto un sit-in con flash-mob dal titolo  "Scuola senz'ATA, scuola incartata".

Gli organici ridotti ed i divieti di sostituzione sono tra le maggiori criticità denunciate dai manifestanti che si sono “incartati”, avvolgendosi con uno striscione che simboleggiava l’impantanamento di servizi tecnico-amministrativi ed ausiliari, e poi “scartati”, nell’auspicio di un alleggerimento del carico di lavoro.

Tutta la scuola, nella sua organizzazione, infatti, sta subendo e subirà appesantimenti e criticità problematiche, con rinnovati aggravi di carichi lavorativi.

Il vice capo di gabinetto Rocco Pinneri, in risposta alla richiesta unitaria d’incontro con le OO.SS. inviata nei giorni precedenti, ha ricevuto una delegazione di manifestanti che ha illustrato le criticità e gli scopi della vertenza.

 
L. STABILITA', DI MEGLIO: 300 MLN PER RINNOVO CONTRATTO SONO 4 CAFFE' AL MESE
Comunicato

toto_caffe"Se le condizioni per il rinnovo del contratto nazionale del pubblico impiego saranno quelle annunciate da Renzi in conferenza stampa, la nostra risposta al tavolo negoziale non potrà che essere 'buongiorno' e 'arrivederci'".

Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta lo stanziamento di 300 milioni di euro previsto dalla legge di Stabilità approvata ieri dal Consiglio dei Ministri.

"Si tratta di una cifra irrisoria, anzi offensiva se si considera che gli stipendi dei dipendenti pubblici, e quindi anche degli insegnanti, sono bloccati da sei anni.

Trecento milioni – dichiara Di Meglio – produrranno un aumento in busta paga di circa 7 euro lordi per ciascun lavoratore, cioè poco più di 4 euro netti a testa.

Con questi spiccioli, ci si potranno permettere quattro caffè in più al bar ogni mese, nulla di più.

Si tratta di una foglia di fico che - conclude il coordinatore della Gilda – nasconde la reale intenzione del Governo di protrarre il blocco del contratto nonostante la sentenza della Corte Costituzionale ne abbia dichiarato l'illegittimità".

 

Roma, 16 ottobre 2015

 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 Succ. > Fine >>

Pagina 13 di 14