Ultime Notizie

DECRETO CONSIGLIO DI STATO: OK A PASSAGGIO RUOLO PRIMARIA PER EDUCATORIDECRETO CONSIGLIO DI STATO: OK A PASSAGGIO RUOLO PRIMARIA PER EDUCATORI
Carta del docente. Resoconto incontro MIUR-OOSS del 06 novembre 2017Carta del docente. Resoconto incontro MIUR-OOSS del 06 novembre 2017
LICEO BREVE: SPERIMENTAZIONE IMPROVVISATALICEO BREVE: SPERIMENTAZIONE IMPROVVISATA
SCUOLE ITALIANEALL'ESTERNO, INCONTRO AL MAECI DEL 4.10.2017SCUOLE ITALIANEALL'ESTERNO, INCONTRO AL MAECI DEL 4.10.2017

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

graduatorie_istituto_2017_20

PRECARI, MIUR DIA INDICAZIONI A USR PER PROROGA CONTRATTI
Comunicato

contratti_termine1 "Il Miur dia istruzioni precise a tutti gli Usr per la proroga al 31 agosto dei contratti di supplenza sui quasi 10mila posti vacanti e privi di titolare non assegnati con il piano straordinario di immissioni in ruolo. Se viale Trastevere non interverrà, intraprenderemo tutte le iniziative legali necessarie per tutelare le legittime istanze dei precari".

E' quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

Leggi tutto...
 
AMBITI TERRITORIALI, RICORSO DI TRE DOCENTI AL TAR LAZIO
Comunicato

 ambiti_risikoLa Federazione Gilda-Unams ha notificato al Tar del Lazio il ricorso di tre docenti sugli ambiti territoriali.

Il sindacato ha impugnato l'ordinanza ministeriale sulla mobilità relativamente all'articolazione degli ambiti che determina una disparità di trattamento tra insegnanti nell'assegnazione della sede di titolarità, destinando alcuni alle scuole e altri agli ambiti.

"Nel ricorso – spiega l'avvocato Tommaso De Grandis, responsabile dell'ufficio legale della Federazione Gilda-Unams – contestiamo l'inosservanza della direttiva comunitaria che tutela la parità di trattamento tra chi ha condizioni di lavoro uguali e la violazione dell'articolo 117 della Costituzione che stabilisce la partecipazione attiva delle Regioni, con potere di deliberare, in materie di legislazione concorrente come la definizione degli ambiti territoriali.

Il Miur si è limitato a interpellare le Regioni e ha poi disegnato da solo la nuova geografia della mobilità docente estromettendo gli Enti locali".

Roma, 8 giugno 2016

 
CARTA DOCENTE, GILDA CHIEDE CHIARIMENTI AL MIUR
Comunicato

bonus_550_euroLa Gilda degli Insegnanti chiede un incontro al Miur per chiarire i tanti dubbi che ancora permangono sull'utilizzo della Carta del Docente e l'emanazione di una circolare dettagliata che li dirima una volta per tutte.

"I 500 euro erogati in busta paga e spesi per la formazione e l'aggiornamento – afferma il coordinatore nazionale Rino Di Meglio – devono essere rendicontati entro il 31 agosto e c'è confusione sui beni e servizi che possono essere inclusi.

Al di là di una circolare molto vaga emanata molti mesi fa e contenente soltanto indicazioni generali, manca una specifica comunicazione formale da parte dell'Amministrazione e le faq fornite dal Miur, oltre a essere nulle dal punto di vista giuridico, hanno provocato una serie di problemi interpretativi nelle singole scuole".

Leggi tutto...
 
ASSEMBLEA NAZIONALE A PERUGIA DAL 20 AL 22 MAGGIO
Comunicato

logo_congressoSi svolgerà a Perugia dal 20 al 22 maggio il XIX congresso nazionale della Gilda degli Insegnanti. I delegati eletti nelle sezioni di tutta Italia si riuniranno in assemblea per eleggere il coordinatore nazionale, i componenti della direzionale nazionale e tutti gli organismi statutari.

Nel corso dell'assemblea nazionale saranno discussi i documenti congressuali che raccolgono le indicazioni provenienti dalle strutture provinciali e nazionali e, più in generale, gli stimoli e le osservazioni di tutti i docenti della Gilda degli Insegnanti.

I delegati si confronteranno, oltre che sugli obiettivi storici dell'associazione, primo fra tutti l'istituzione di un'area specifica per la docenza, anche sulle future battaglie tese a rimediare sia alle storture degli interventi legislativi sia a rivendicare un trattamento economico e normativo dignitoso per gli insegnanti italiani.

Roma, 18 maggio 2016

 
CONCORSO, PRESSIONI INDEBITE SU DOCENTI PER FORMARE COMMISSIONI
Comunicato

 dare_ordini"Partecipare alle commissioni del concorso non è un obbligo previsto dal contratto di lavoro e gli Usr non possono imporre ai docenti di accettare le nomine di ufficio.

Invitiamo dunque tutti i colleghi a non lasciarsi intimorire dalle più o meno velate pressioni che stanno subendo in questi giorni dalle amministrazioni scolastiche".

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commentando i numerosi casi segnalati dai docenti al sindacato.

"Gli Uffici scolastici regionali hanno facoltà di procedere con la nomina di ufficio se, come sta avvenendo, mancano candidature spontanee per i posti di commissari al concorso.

Non esiste però – sottolinea Di Meglio - alcun obbligo da parte dei docenti di accettare l'incarico: il CCNL, infatti, stabilisce l'obbligatorietà del compito soltanto per le commissioni di esame per gli alunni.

Se l'amministrazione sta ricorrendo alle nomine di ufficio senza risparmiare anche sollecitazioni fin troppo insistenti, – conclude il coordinatore della Gilda – è segno che l'aumento dei compensi per i commissari, tanto decantato dal Governo ma decisamente insufficiente, non è servito a granché".

Roma, 10 maggio 2016

 
12 MAGGIO SCIOPERO FGU PER RINNOVO CONTRATTO E MODIFICA LEGGE 107
Comunicato

sciopero_12_maggio_2016 Federazione Gilda-Unams in sciopero il 12 maggio contro il blocco del contratto, scaduto da sette anni, e la "Buona Scuola".

"Le trattative per il rinnovo del contratto sono ancora al palo – dichiara il coordinatore nazionale della Fgu Rino Di Meglio – e non sono state neanche stanziate le risorse per recuperare quanto meno il potere di acquisto perso dai lavoratori a causa del blocco del contratto. La situazione è diventata ormai insostenibile e riteniamo che lo sciopero sia necessario in questo difficile momento".

"Al Governo chiediamo la modifica della legge 107/2015, con l'abrogazione dell'assunzione diretta, degli ambiti territoriali e dei poteri premiali assegnati al dirigente scolastico, e la restituzione dello scatto di anzianità relativo al 2013 che i docenti devono ancora percepire.

In occasione dello sciopero – conclude Di Meglio – i dirigenti provinciali della Fgu saranno presenti nelle piazze d'Italia per raccogliere le firme per il referendum".

Roma, 4 maggio 2016

 
LA BUONA SCUOLA, AVANTI TUTTA CON RACCOLTA FIRME PER REFERENDUM
Comunicato

 "Il bilancio finora è molto positivo e ci fa ben sperare di raggiungere le 500mila firme necessarie per presentare il referendum.

Adesso serve un colpo di reni per la volata finale e invitiamo tutte le cittadine e tutti i cittadini a recarsi nelle piazze e nelle strade principali d'Italia dove sono allestiti i banchetti e sottoscrivere i quesiti referendari contro la legge 107/2015".

A lanciare l'appello è la Gilda degli Insegnanti. "La riforma della cosiddetta 'Buona Scuola' affida poteri quasi assoluti ai dirigenti scolastici relegando gli organi collegiali di governo della scuola, dove sono presenti insegnanti, genitori e studenti, a semplici momenti di ratifica di decisioni già prese.

Le scelte operate nella scuola – dichiara il sindacato - sono simili a quelle che si vogliono portare avanti con la riforma costituzionale e la riforma elettorale, dove il Parlamento perde la sua centralità a favore del Governo e si elegge una maggioranza parlamentare espressione di un solo partito, il partito di governo".

Per la Gilda, quindi, "firmare per l'abrogazione degli aspetti più controversi della legge 107/2015 significa dare un chiaro segnale di critica nei confronti delle politiche adottate dal governo Renzi e restituire le scelte fondamentali della democrazia ai cittadini e al loro voto".

Roma, 7 giugno 2016

 
RINO DI MEGLIO RIELETTO COORDINATORE NAZIONALE
Comunicato
rinodimeglioRino Di Meglio rieletto coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.
Con il 93% delle preferenze espresse dai delegati che si sono riuniti a Perugia da tutta Italia, l'assemblea nazionale ha confermato Di Meglio alla guida del sindacato per il quadriennio 2016/2020.
Nel suo discorso di insediamento il neo rieletto coordinatore nazionale ha ripercorso le tappe del suo ultimo mandato sottolineando le importanti battaglie vinte, come quelle per il recupero degli scatti di anzianità relativi agli anni 2010, 2011 e 2012, per i precari con la sentenza della Corte di Giustizia Europea, e contro l'aumento dell'orario di lavoro all'epoca del ministro Profumo.
“In questi quattro anni – ha detto Di Meglio – la Gilda degli Insegnanti ha vissuto una forte crescita, con un incremento esponenziale degli iscritti, e un aumento di 11mila voti alle ultime elezioni delle Rsu.
Nei prossimi quattro anni ci impegneremo ulteriormente per rendere la nostra organizzazione ancora più forte e rappresentativa, con la consapevolezza di essere, prima ancora che un sindacato, un'associazione dedita alla valorizzazione della professione docente”.
Leggi tutto...
 
MOBILITÀ AL BUIO PER FASI B E C, SEQUENZA CONTRATTUALE IN ALTO MARE
Comunicato

È una domanda di mobilità "al buio" quella che in questi giorni stanno presentando i neo assunti nelle fasi B e C.

A sottolinearlo è la Gilda degli Insegnanti che spiega: "Per questi docenti la richiesta di trasferimento è un salto nel vuoto perché non sanno minimamente in quale dei 100 ambiti indicati saranno inseriti né a quali posti verranno assegnati poiché non c'è una definizione chiara e precisa delle disponibilità".

"Ad aggravare la situazione – incalza la Gilda – è il ritardo con cui procede la sequenza contrattuale che era attesa entro 30 giorni dalla firma del CCNI, cioè entro l'8 maggio.

Secondo quanto emerge dagli incontri al Miur, sembra che da parte dell'Amministrazione non ci sia alcuna intenzione di definire criteri oggettivi in grado di arginare la discrezionalità della chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici.

Una chiusura – commenta la Gilda - più che prevedibile perché per viale Trastevere cedere su questo punto significherebbe demolire i pilastri principali su cui si fonda la legge 107/2015.

Si confermano, dunque, le ragioni per cui a febbraio abbiamo deciso di non firmare il contratto sulla mobilità e di percorrere la strada del referendum".

Roma, 16 maggio 2016

 
MOBILITÀ FASI B1, B2, B3, C. GUIDE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Mobilità

Nell'incontro odierno (5 maggio 2016) si sono testate le novità introdotte dal nuovo contratto della mobilità riguardanti nello specifico le fasi B1,B2, B3 e C ed in modo particolare gli ambiti.
Questa nuova fase dà la possibilità di selezionare tra 2 opzioni :


1. La prima riguarda gli immessi in ruolo entro il 2014/2015; (scarica la Guida per fasi B1 e B2)
2. La seconda I nuovi immessi in ruolo dal 1 settembre 2015, (scarica la Guida per fasi B3 e C)


I vecchi immessi in ruolo e i neo assunti nella fase 0 e A devono necessariamente scegliere tutte le scuole del primo ambito, gli altri devono selezionare esclusivamente gli ambiti o le province nella loro totalità, si rammenta che il numero massimo di ambiti e di province è di 100 ciascuno.
Qualora le preferenze dovessero risultare incomplete si applicheranno automaticamente le catene di vicinorietà predisposte dall'Amministrazione partendo dalla prima preferenza espressa.
Il sistema informativo, in presenza di esuberi, è in grado di assorbire automaticamente tali docenti sulle disponibilità presenti in organico comprensive del potenziamento.
Solo per i perdenti posto del secondo grado è prevista la modulistica cartacea.
L'Amministrazione nell'esporre la modalità di scelta delle varie tipologie di posti (comune, ctp, carcerarie e ospedaliere) aveva impostato autonomamente il software per blocchi e di conseguenza senza rispettare l'ordine delle preferenze con grave danno per il personale interessato.
Al termine di un confronto molto dibattuto l'Amministrazione si è impegnata a modificare il software per dare la possibilità di selezionare le singole preferenze nell'ordine indicate dall'interessato e pertanto eliminando i blocchi.
Per tale modifica potrà esserci un ritardo di un paio di giorni nell'apertura della funzione per le fasi B1 e B2.
Martedi 10 pomeriggio ci sarà un incontro sull'informativa delle nuove classi di concorso e delle conseguenti confluenze e sulla sequenza contrattuale sui licei musicali.
Giovedi 12 ci sarà il primo incontro sulle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie.


La Delegazione

 
BLOCCO CONTRATTO, IL RICORSO ALLA CEDU SUPERA QUOTA 20MILA
Comunicato

 cgsScadrà il 16 maggio il termine per aderire al ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) promosso dalla Confederazione Generale Sindacale (CGS) contro il blocco dei contratti e delle retribuzioni dei lavoratori nel pubblico impiego.

Sono oltre 20mila i ricorrenti che finora, inserendo i propri dati personali, si sono registrati alla piattaforma informatica attiva sul portale www.ricorsocgs.it.

Obiettivo dell'iniziativa è ottenere il riconoscimento di un equo indennizzo per i 7 anni di blocco contrattuale e la riapertura immediata del negoziato all'Aran per un rinnovo contrattuale che metta a disposizione risorse economiche dignitose.

"Questo ricorso – spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della FGU, che con FLP (Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche), NURSIND (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) e Unione Artisti UNAMS costituisce la CGS – rappresenta un'occasione preziosa per docenti e Ata di far valere i propri diritti: per ogni ricorrente verrà chiesto un indennizzo che sarà quantificato in importi a partire dai 4000 euro".

"Dal Documento di economia e finanza (Def) si evince che non saranno stanziate risorse aggiuntive rispetto ai 300 milioni dell'ultima legge di Stabilità.

Ciò significa che i dipendenti statali dovrebbero accontentarsi di appena 5 euro in più in busta paga, un'elemosina offensiva che – conclude Di Meglio - dà ancora più forza al ricorso promosso dalla CGS".

ricorso cgs

 

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 14