GILDATV

Ultime Notizie

TFA SOSTEGNO: ACCOLTO IL PRIMO RICORSO PER AMMETTERE I NOSTRI RICORRENTI ALLE PROVE.TFA SOSTEGNO: ACCOLTO IL PRIMO RICORSO PER AMMETTERE I NOSTRI RICORRENTI ALLE PROVE.
Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i Decreti Legislativi della L. 107/2015Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i Decreti Legislativi della L. 107/2015
ORGANICI 2017/18, DOV'È LA RIVOLUZIONE DELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA?ORGANICI 2017/18, DOV'È LA RIVOLUZIONE DELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA?
Incontro al MIUR su CCNI personale comandatoIncontro al MIUR su CCNI personale comandato

Login




cicogna

 

 

   

flc_terremoto_banner627x282

CHIAMATA DIRETTA: SU CRITERI VOTO AL BUIO, GILDA INVITA AD ASTENSIONE
Comunicato

dislike "Oltre ai modi, anche i tempi sono del tutto sbagliati: sulla chiamata diretta non ci siamo proprio e confermiamo la nostra netta contrarietà verso l'accordo sottoscritto tra il Miur e gli altri sindacati rappresentativi e che, in piena coerenza con la nostra posizione, non abbiamo firmato".

È quanto afferma Rino Di Meglio,coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, in merito alle riunioni dei collegi dei docenti convocate in questi giorni dai dirigenti scolastici per scegliere i criteri da seguire nell'individuazione degli insegnanti da inserire negli organici delle scuole.

"Con le procedure di mobilità e le assegnazioni provvisorie ancora aperte - spiega DiMeglio - è totalmente illogico convocare adesso i collegi dei docenti.

Si rischia soltanto di perdere tempo nel deliberare criteri che poi, a operazioni di trasferimento concluse, potrebbero rivelarsi inadeguati rispetto al fabbisogno degli istituti scolastici.

Perciò - conclude il coordinatore dellaGilda - invitiamo i docenti ad astenersi dal voto al buio".

 

Roma,10 maggio 2017

 
MOBILITÀ, GILDA NON FIRMA CONTRATTO
Comunicato

chiamata_diretta_12_04_17"Non abbiamo firmato il contratto sulla mobilità 2017/2018 per coerenza con la posizione di intransigente contrarietà verso la chiamata diretta e agli ambiti territoriali previsti dalla legge 107/2015".

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

"Apprezziamo lo sforzo della ministra Fedeli di tentare una faticosa mediazione per mitigare temporaneamente gli effetti negativi della riforma - afferma Di Meglio - ma non è bastato per superare le criticità maggiori.

Leggi tutto...
 
DELEGHE 107/15 IN DIRITTURA D'ARRIVO, INCONTRO TRA MIUR E SINDACATI
Riforme
firme_in_biancoRELAZIONE SU INCONTRO RELATIVO ALLE DELEGHE LEGGE 107/15
4 APRILE 2017 Salone dei Ministri MIUR

 

Il giorno 4 aprile si è tenuta una riunione fiume tra Amministrazione, Governo e OO.SS. relativa all'imminente presentazione e approvazione in Consiglio dei Ministri delle Deleghe della 107/15.

La riunione è durata dalle ore 18 alle ore 23.30 senza interruzioni ed è stato spiegato che l'urgenza della convocazione è stata determinata dal fatto che il Presidente della Repubblica Mattarella la prossima settimana sarà all'estero e pertanto si deve chiudere subito la questione deleghe.
Alle OO.SS. sono stati dati solo in visione temporanea i testi delle deleghe definitive premettendo che:
- I testi sono secretati fino al Consiglio dei Ministri
- Le eventuali ulteriori osservazioni delle OO.SS. potevano sono in minima parte essere accolte poiché la Ministra ha voluto in primis inserire la maggior parte delle proposte e osservazioni approvate dalle Commissioni Parlamentari
Il fatto che siano state recepite in gran parte le osservazioni delle Commissioni Parlamentari ha rappresentato, a nostro avviso, un aumento della confusione e della complessità in alcune deleghe e un loro oggettivo peggioramento rispetto al testo originario. In sintesi le principali novità presentate delega per delega.

Leggi tutto...
 
PERSONALE ATA, ANCORA NUMEROSE LE PROBLEMATICHE DA RISOLVERE
ATA
caosINCONTRO DEL 22/03/2017 MIUR/OO.SS.

 

O.d.g.: confronto su problematiche personale ATA

Presentiper l'Amministrazione Dott. Molitierno e Spinazzola.

Le tematiche oggetto di maggiore criticità rappresentate nel corso dell'incontro sono le seguenti:

Istituzione dell'organico funzionale per il personale ATA, revisione delle tabelle per una più organica e corretta redistribuzione fra i diversi ordini di scuola;

istituzione del profilo di Assistente Tecnico nelle scuole del primo ciclo;

superamento delle norme riguardanti le sostituzione in caso di assenza del personale;

superamento della esternalizzazione dei servizi;

emanazione di bando di concorso ordinario e riservato per il profilo di DSGA;

riattivazione delle procedure per il ripristino delle posizioni economiche;

riattivazione procedure per la mobilità professionale;

atto di indirizzo per i DSGA in servizio di reggenza su due scuole;

sblocco degli accantonamenti per il transito del personale in esubero da Province e CRI;

reti di scuole;

incombenze gravanti sulle segreterie scolastiche per adempimenti burocratici imposti da altre amministrazioni - INPS;

revisione regolamento supplenze pers. ATA.

Leggi tutto...
 
PRECARI, DI MEGLIO: SU FORMAZIONE E RECLUTAMENTO RESTANO CRITICITÀ
Comunicato

reclutamento_docenti"Nonostante alcune criticità importanti che permangono, e che ci auguriamo possano essere risolte con ulteriori modifiche in sede di approvazione definitiva, apprezziamo le novità introdotte rispetto al testo originario".

Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta il parere delle Commissioni Cultura di Camera e Senato sullo schema di decreto legislativo sulla formazione iniziale e il reclutamento dei docenti di scuola secondaria votato dall'aula di Palazzo Madama.

 

"Valutiamo positivamente il riconoscimento dell'abilitazione e del servizio svolto come requisiti per accedere al ruolo - spiega Di Meglio - e lo consideriamo il frutto anche della battaglia in difesa dei precari che abbiamo condotto e vinto alla Corte di Giustizia Europea. Positivo anche il riequilibrio del rapporto tra università e scuola nel percorso formativo dei docenti. A nostro avviso, però, occorre apportare ancora altri correttivi, prima di tutto consolidando lo snellimento dell'iter formativo, perché riteniamo che il percorso triennale sia eccessivamente lungo.

Inoltre, esprimiamo preoccupazioni sulla reale entità delle 'maggiori risorse finanziarie' da destinare al primo e secondo anno del contratto di formazione, tirocinio e inserimento. Infine sarebbe auspicabile eliminare la prova selettiva all'inizio del percorso per i docenti con 36 mesi di servizio ma privi di abilitazione e prevedere soltanto un colloquio al termine".

Roma, 17 marzo 2017

 
CONTRATTO PUBBLICO IMPIEGO: STRADA IN SALITA
Comunicato

 scala-senza-fine"Finalmente è approdato al vaglio della Corte dei Conti il DPCM che stanzia i fondi per il rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego, di cui la scuola costituisce il comparto più numeroso. Ma i tempi per arrivare alla definizione del contratto non sono così rapidi come il Governo vuol far apparire". Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta l'annuncio del ministro Madia.

"Delle risorse necessarie per raggiungere i miseri 85 euro lordi di aumento promessi - spiega Di Meglio - ad oggi risulta stanziata meno della metà. Inoltre, per quanto concerne la parte normativa, va sottolineato che non si è concluso l'iter di revisione del Testo Unico nel quale sono ancora presenti ambiguità su quale sia la sfera riservata alla contrattazione".

"Come è stato evidenziato anche dai recenti dati della Tesoreria dello Stato sugli stipendi degli statali, la scuola resta fanalino di coda del settore pubblico. Chiediamo dunque al Governo - conclude il coordinatore nazionale della Gilda - di reperire le risorse per recuperare il potere di acquisto dei docenti, cioè almeno 150 euro mensili".

Roma, 9 marzo 2017

 
LEGGE 107/2015, CON APPROVAZIONE DECRETI UN PASSO AVANTI E DUE INDIETRO
Comunicato
consiglioministri2011“La Buona Scuola fa un passo avanti e due indietro. Rispetto alle stesure originarie di alcune deleghe della legge 107/2015, i decreti attuativi che questa mattina hanno ottenuto il via libera del CdM risultano più confusi e in talune parti peggiorati”. È un giudizio in chiaroscuro quello espresso da Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, sul pacchetto scuola approvato questa mattina dal Consiglio dei Ministri.
“Ovviamente ci riserviamo un’analisi più approfondita dopo l’esame dettagliato dei testi dei decreti - precisa Di Meglio - ma da quanto si evince finora restiamo perplessi riguardo alcune scelte adottate dal Governo. Anche sul fronte delle risorse stanziate, è evidente che sono del tutto insufficienti per realizzare gli interventi promessi nei decreti. Resta comunque fermo il nostro dissenso sulla legge 107 e continueremo a batterci affinché venga modificata”.
Leggi tutto...
 
MOBILITÀ, CHIAMATA DIRETTA ANCORA AVVOLTA NEL MISTERO
Comunicato

mistero_mobilita"La chiamata diretta è ancora avvolta nel più totale mistero".

È quanto afferma la Gilda degli Insegnanti dopo l'incontro che si è svolto ieri pomeriggio al Miur sul contratto della mobilità.

"L'Amministrazione non ha fornito alcuna notizia in merito all'accordo sulle cosiddette competenze, né sono state fissate date per ulteriori confronti con i sindacati.

A questo punto, sarà inevitabile uno slittamento dei termini per la presentazione delle domande di mobilità e si fa sempre più concreto il rischio che anche il prossimo anno scolastico cominci all'insegna del ritardo, con cattedre scoperte e alunni privati per mesi dei loro insegnanti".

Roma, 29 marzo 2017

 
Mobilità docenti 2016/2017: il TAR ordina al Miur il rilascio dell'algoritmo sul ricorso Gilda.
Comunicato

scatola-aperta_318-32989È di poche ore fa la sentenza emessa dal Tar del Lazio che condanna il Miur all'ostensione del famoso "algoritmo" di calcolo che ha gestito il software relativo ai trasferimenti interprovinciali del personale docente sulla mobilità 2016, che ha deciso la sorte professionale di numerosi docenti coinvolti.


Il coordinatore nazionale della Federazione Gilda Unams, Rino Di Meglio, nonché gli Avv. ti Michele Bonetti, Santi Delia e Silvia Antonellis, affermano la fondamentale importanza di tale vittoria al fine di fare finalmente chiarezza su quelle che sono state le procedure puntuali dei trasferimenti, ma, in particolare, sugli errori che hanno determinato l'allontanamento di numerosi docenti dalle sedi che sarebbero spettate in base ai criteri dichiarati nelle loro domande di trasferimento.


Il Tar Lazio dà, dunque, ragione al sindacato che aveva presentato ricorso, patrocinato dagli Avvocati Bonetti, Delia e Antonellis, per il diniego all'accesso agli atti da cui poter desumere le operazioni della mobilità per l'a.s. 2016/2017, screditando in toto le eccezioni sulla proprietà intellettuale e sul segreto di Stato asserite dal Miur per non rilasciare l'algoritmo, ordinando, dunque, alla stessa di rilasciare "copia dei c.d. codici sorgente del software dell'algoritmo di gestione della procedura della mobilità dei docenti per l'a.s. 2016/2017 di cui all'O.M. M.I.U.R n. 241 del 2016 nel termine di 30 (trenta) giorni decorrenti dalla notifica a cura di parte".


"Mi ritengo soddisfatto per la vittoria conseguita" - dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti - "che rappresenta un inizio positivo per fare chiarezza sull'applicazione errata del Ccni sulla mobilità che ha coinvolto numerosi docenti, che ora richiedono trasparenza sulla reale procedura seguita dal Ministero".
"La Gilda grazie a questo importante provvedimento" riporta l'Avv. Bonetti "valuterà una campagna anche risarcitoria dinanzi ai Giudici del Lavoro per tutti i docenti lesi da questo algoritmo mail fatto che li ha spostati da una parte all'altra della Repubblica riservandosi anche di presentare un esposto alla Corte dei Conti"

22 marzo 2017

 
MOBILITÀ, CONTRATTO ANCORA IN ALTO MARE
Comunicato

no_signalContratto mobilità ancora in alto mare. L'incontro di oggi pomeriggio al Miur tra sindacati e Amministrazione non ha segnato alcun passo avanti nella trattativa.

"L'ipotesi di contratto - spiega Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della Gilda degli Insegnanti - è ancora all'esame degli organi di controllo competenti. Restiamo dunque in attesa della certificazione da parte della Funzione Pubblica e del Mef senza la quale non è possibile procedere oltre.

Tutto fermo anche per quanto riguarda la chiamata per competenze, un nodo fondamentale che ci auguriamo venga affrontato nella prossima riunione convocata per il 21 marzo".

"Tutto ciò - conclude Di Patre - comporterà uno slittamento dei termini per le domande di mobilità, con il rischio che anche il prossimo anno scolastico inizi nel caos senza insegnanti nelle classi".

Roma, 15 marzo 2017

 
MOBILITÀ AL PALO: DA MEF E FUNZIONE PUBBLICA ANCORA NESSUN OK
Comunicato

punto-interrogativo-dado1Contratto mobilità ancora al palo. L'incontro di questa mattina al Miur tra sindacati e Amministrazione si è concluso con un ennesimo nulla di fatto e toccherà attendere la prossima settimana, quando si svolgerà un ulteriore confronto, per arrivare forse al termine della trattativa.

"Il forse è d'obbligo - spiega la Gilda degli Insegnanti - perché a viale Trastevere non è ancora giunta la certificazione dell'ipotesi di contratto da parte della Funzione Pubblica e del Mef. E oggi, nonostante fosse all'ordine del giorno, il nodo della chiamata diretta non è stato affrontato.

Più si allungano i tempi per la chiusura del contratto - sottolinea il sindacato - più si fa concreto il rischio che le operazioni della mobilità partano in forte ritardo, con tutte le conseguenti ripercussioni negative che subirà l'avvio del prossimo anno scolastico".

"Chi aveva pronosticato che oggi si sarebbe chiusa la partita - conclude la Gilda - ha evidentemente cantato vittoria troppo presto".

Roma, 7 marzo 2017

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 12