Ultime Notizie

INCONTRO AL MIUR SU CIRCOLARE ISCRIZIONI A.S. 2015/16INCONTRO AL MIUR SU CIRCOLARE ISCRIZIONI A.S. 2015/16
D.M. n. 886 dell'1.12.2014 - Cessazioni dal servizio personale scolastico dal 1° settembre 2015 - Trattamento di quiescenza - Indicazioni operativeD.M. n. 886 dell'1.12.2014 - Cessazioni dal servizio personale scolastico dal 1° settembre 2015 - Trattamento di quiescenza - Indicazioni operative
Personale ATA – posizioni economichePersonale ATA – posizioni economiche
Richiesta incontro su rapporto Ragionerie Territoriali dello Stato e Istituzioni scolasticheRichiesta incontro su rapporto Ragionerie Territoriali dello Stato e Istituzioni scolastiche

GILDATV

My Videos

Login




cicogna

 

 

ANCORA NEBBIA FITTA SULLE NUOVE CLASSI DI CONCORSO
Riforme
nebbiaRELAZIONE SINTETICA INCONTRO AL MIUR DEL 31 MAGGIO 2012 SU INDIRE e PROPOSTA REGOLAMENTO NUOVE CLASSI DI CONCORSO

Per l'amministrazione Stellacci, Palumbo, Chiappetta, Bruschi, Rinzivillo

Per Indire il direttore Giunta La Spada

INDIRE

Sulla questione relativa alla riorganizzazione dell'INDIRE il direttore La Spada ha confermato l'avvio della fase concorsuale per la copertura dei posti disponibili con l'accordo MEF- Funzione Pubblica. Le funzioni di natura amministrativa resteranno inalterate mentre appare chiara la mancanza di corrispondenza tra il profilo del docente attualmente comandato e il profilo del ricercatore che determina l'impossibilità di prevedere una automatica assunzione dei docenti attualmente comandati nei futuri organici dell'ente. Al personale che ha svolto attività presso l'ente sembra che siano in ogni caso garantite nelle procedure concorsuali modalità di accesso senza preselezione. I posti complessivi risulterebbero 147. I docenti ricercatori effettivi dovrebbero essere una settantina. Le sedi previste sono Firenze (sede centrale), Torino, Roma e Napoli. La richiesta di mantenere per il prossimo anno scolastico in servizio il personale esistente presso ex ANSAS e IRRE fatta da lacune sigle sindacali è stata respinta dall'amministrazione che ha ribadito che dal 1 settembre tutti i docenti distaccati tornano a scuola essendo necessario il risparmio così operato per finanziare le procedure concorsuali. Su tale questione FGU-Gilda degli Insegnanti non ha preso posizione essendo da sempre note le sue critiche nei confronti dell'utilità e della funzionalità di enti quali Ansas e IRRE.

 

CLASSI DI CONCORSO

La Dott.ssa Palumbo ha relazionato sulle osservazioni che sono state presentate all'amministrazione evitando di entrare nel merito delle numerose osservazioni specifiche concernenti situazioni di particolari classi di concorso che saranno oggetto di approfondimenti successivi. Ha condiviso l'opportunità di modificare parzialmente la stesura tecnica per definire la distinzione tra scuola primaria e scuola secondaria di primo grado mentre ritiene che si possa ugualmente procedere verso l'approvazione del provvedimento anche di fronte alla scadenza del termine prevista dalla legge delega.

Le OO.SS. hanno rilevato molte perplessità e critiche. In particolare:

· Ci sono di fatto effetti sugli ordinamenti con l'introduzione delle tabelle di assegnazione delle nuove classi ai percorsi soprattutto dei tecnici e dei professionali. Ciò non dovrebbe essere possibile perché esula dalla delega di legge.

· Ci sono profondi effetti sulla definizione dell'organico e sulle graduatorie ad esaurimento laddove i docenti non sono in possesso dei titoli necessari per l'insegnamento previsti nelle nuove classi di concorso. Tale situazione colpisce soprattutto i docenti delle GAE e coloro che si trovano in terza fascia di Istituto. Nella sostanza i futuri concorsi, secondo Bruschi, dovrebbero sanare il gap esistente tra i vecchi titoli e i nuovi titoli previsti, ma non si capisce cosa accadrà nella fase transitoria per chi non vince il concorso e permane nelle Gae. Non è chiaro come saranno organizzate le cattedre in organico (su posto, cattedre orario...). Ciò determina incertezza anche sulla attuale procedura di formazione degli organici per i docenti di ruolo.

· Appare problematica l'introduzione di tre nuove classi di concorso per il sostegno senza che ad esse sia incardinato un percorso di abilitazione disciplinare o senza che siano esplicitati i contenuti dei titoli necessari per il conseguimento dell'abilitazione. Appare inoltre evidente che l'introduzione di una specifica classe di concorso per la scuola primaria contravviene ai principi dell'ordinamento attuale.

· Sarebbe stato meglio mantenere la precedente proposta senza sotto codici (sottoclassi rispetto alla classe di concorso di riferimento). Il Ministro non si rende conto che ridurre ulteriormente le classi di concorso a livello formale significa solo creare ulteriore confusione. Nel concreto sembra scontato che debbano essere indetti nel futuro concorsi anche per sottocodice (l'esempio classico è quello della A051 e A050. La A050, che l'amministrazione intende eliminare dai Licei definitivamente, dovrebbe essere mantenuta con percorsi concorsuali specifici..)

· Manca un quadro, anche abbozzato, relativo alle possibilità di implementare i titoli attualmente in capo dei docenti in organico e delle GAE senza dover passare attraverso il percorso dei TFA. L'amministrazione dichiara di non essere in grado di organizzare riconversioni o altre modalità di riorganizzazione della posizione soggettiva dei docenti in merito ai titoli posseduti mancando una copertura finanziaria. D'altro canto appare inaccettabile delegare tutto alle università che sembra abbiano in questo momento principalmente lo scopo di fare cassa con l'offerta di CFU aggiuntivi.

Preso atto delle proposte formalizzate dall'amministrazione FGU-Gilda degli Insegnanti esprime la necessità di procedere in tempi brevi ad una revisione della bozza sulle nuove classi di concorso presentata inserendola nel quadro più vasto del sistema complessivo di reclutamento salvaguardando le attuali titolarità e consentendo un sistema . di implementazione dei titoli senza oneri per chi è iscritto nelle gae o da titolare intende procedere a riconversioni.

Per ciò che concerne le singole situazioni delle classi di concorso è necessario aprire un tavolo specificamente tecnico per risolvere alcune modifiche proposte che hanno effetti sul piano ordinamentale e sulla formazione delle cattedre.

Roma, 31 maggio 2012

La delegazione FGU-Gilda degli Insegnanti

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon