CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

Selezione docenti e ATA per scuole italiane all'estero. Domanda entro il 28 gennaio 2019Selezione docenti e ATA per scuole italiane all'estero. Domanda entro il 28 gennaio 2019
Assicurazione civile e infortuni - AIG EUROPE LIMITED e GILDAAssicurazione civile e infortuni - AIG EUROPE LIMITED e GILDA
A proposito del periodo di prova del personale ATA. Cosa prevede il nuovo CCNL 2016/2018A proposito del periodo di prova del personale ATA. Cosa prevede il nuovo CCNL 2016/2018
AGGIORNAMENTI SU CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA , PENSIONI E MOBILITÀ 2019/20. AGGIORNAMENTI SU CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA , PENSIONI E MOBILITÀ 2019/20.

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

Progetto 0-6 anni: docenti infanzia figli di un Dio minore
Riforme

convegno Scuola Infanzia - Venezia, 29 gennaio 2016La funzione docente è unica nella sua specificità e non va confusa la scuola dell´infanzia con il segmento pre-scolare che va da 0 a 3 anni.

In questo senso, il progetto di istituire il ciclo 0-6 anni rischia di aumentare la confusione di cui è già piena la cosiddetta Buona Scuola, che di buono ha soltanto il nome".

 

E´ quanto afferma Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che ha partecipato al convegno "Scuola dell´infanzia: ieri, oggi, ma domani?" svoltosi a Venezia il 29 gennaio 2016.

"La delega 0-6 prevista dalla riforma - spiega Di Meglio - probabilmente resterà lettera morta perché mancano sia le risorse per la generalizzazione della scuola dell´infanzia, sia quelle per aumentare il servizio degli asili nido".

"Gli insegnanti dell´infanzia - aggiunge il coordinatore della Gilda - sono trattati come figli di un dio minore rispetto agli altri docenti, perché esclusi dal piano nazionale di assunzione in attesa di un nuovo ciclo di istruzione che difficilmente verrà realizzato. A questa discriminazione va posto rimedio, come ha evidenziato anche il Consiglio Superiore dell´Istruzione nel suo parere sul bando del prossimo concorso".

Roma, 29 gennaio 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon