Comunicato

CLASSI POLLAIO, DA MINISTERO CORTINA FUMOGENA

classi pollaio“Pensare di risolvere l’annosa questione delle classi pollaio ripensando l’attuale modello della classe, che andrebbe superato per fare largo a una diversa organizzazione, significa creare soltanto una cortina fumogena intorno al problema”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, interviene in merito alle dichiarazioni rese dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante un videoforum di Repubblica.it.

“Vale la pena ricordare al ministro – afferma Di Meglio – che l’organizzazione delle lezioni per gruppi o gruppi di livello è una metodologia nota agli insegnanti da 40 anni e, in ogni caso, si tratta di una scelta didattica che rientra nella libertà di insegnamento sancita dalla Costituzione. Forse è anche opportuno rammentare uno dei capisaldi dell’aritmetica, la proprietà invariantiva secondo cui in una sottrazione, se aggiungiamo o togliamo la stessa quantità al minuendo e al sottraendo, il risultato finale (cioè, la differenza) non cambia. Non è, dunque, distribuendo gli alunni in classi o gruppi che si può ridurne il numero affidato ai docenti, ma – conclude il coordinatore nazionale - soltanto aumentando gli organici e gli spazi dove svolgere le lezioni, come la Gilda ha sempre sostenuto e chiesto con forza al ministero”.

 

Roma, 16 giugno 2021

 

9 GIUGNO ASSEMBLEA ONLINE SU DECRETO SOSTEGNI BIS E PATTO PER LA SCUOLA Appuntamento dalle ore 17 alle 18.30 al link https://youtu.be/s6elqUs8TzA Decreto Sostegni bis e Patto per la Scuola saranno gli argomenti al centro dell’assemblea pubblica online p

assemblea 9 giugno 2021Appuntamento dalle ore 17 alle 18.30 al link  https://youtu.be/s6elqUs8TzA

 

Decreto Sostegni bis e Patto per la Scuola saranno gli argomenti al centro dell’assemblea pubblica online promossa dalla Gilda degli Insegnanti che si svolgerà domani, mercoledì 9 giugno, dalle ore 17 alle 18.30. L’iniziativa, alla quale parteciperanno i dirigenti sindacali di tutti i livelli territoriali e le Rsu, sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube della Federazione Gilda-Unams al link https://youtu.be/s6elqUs8TzA.. Interverranno come relatori il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, la vice coordinatrice nazionale, Maria Domenica Di Patre, e i dirigenti nazionali Fabrizio Reberschegg, Antimo Di Geronimo, Antonietta Toraldo e Gianluigi Dotti.

“Invece dell’aria fritta contenuta nel Patto per la Scuola – afferma Di Meglio - abbiamo bisogno di interventi concreti che restituiscano dignità agli insegnanti, a partire da uno stipendio decoroso. Ricordiamo sommessamente che mancano solo cinque mesi all’inizio del nuovo triennio contrattuale e che siamo ancora all’anno zero per quello ormai già scaduto”.

Roma, 8 giugno 2021

LA GILDA ADERISCE AL MANIFESTO PER LA NUOVA SCUOLA

manifesto per nuova scuolaLa Gilda degli Insegnanti condivide ampiamente i contenuti del Manifesto per la nuova scuola promosso dai docenti riuniti nel gruppo ‘La nostra scuola’, aderisce alla raccolta firme e invita tutti i cittadini a partecipare.

“Ognuno degli otto punti in cui si sviluppa la petizione – spiega il coordinatore nazionale Rino Di Meglio – rispecchia i valori e le istanze che contraddistinguono la nostra visione della scuola pubblica statale, a partire dalla considerazione secondo cui deve essere incentrata sulla conoscenza e sulla trasmissione del sapere per poter svolgere pienamente il compito che la Costituzione le affida.

Leggi tutto: LA GILDA ADERISCE AL MANIFESTO PER LA NUOVA SCUOLA

NO AL LAVORO GRATIS, LA FORMAZIONE VA RETRIBUITA

“La formazione costituisce servizio a tutti gli effetti e come tale, dunque, va retribuita. È evidente che le continue incursioni sul lavoro operate dal governo sul lavoro dei docenti provocherà un contenzioso destinato a risolversi nelle aule di tribunale e creerà nelle scuole un clima conflittuale”.

Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta l’incontro che si è svolto oggi tra sindacati e ministero dell’Istruzione in merito alla decreto sulla formazione dei docenti senza specializzazione di sostegno.

Leggi tutto: NO AL LAVORO GRATIS, LA FORMAZIONE VA RETRIBUITA