Provincia

CONVEGNO NAZIONALE - LA GOVERNANCE NELLA SCUOLA AI TEMPI DELLA LEGGE 107/2015

convegno_frosinone_3_maggio_2017
La discussione molto accesa che ha caratterizzato l’iter della legge 107/2015 ha avuto il suo focus sulla proposta di aumentare i poteri dei Dirigenti scolastici, tant’è che uno dei pilastri della legge è senz’altro l’affermazione del principio gerarchico; l’altro è quello della competizione tra i docenti.
L’aspro scontro tra la politica e le donne e gli uomini di scuola, se da una parte non è riuscito ad impedire che, nella legge 107/2015, venissero approvate norme che affidano ai Dirigenti scolastici poteri come quello della chiamata diretta (oggi derubricata a chiamata per competenze), della distribuzione del “bonus merito” o la possibilità di nominare lo staff fino al 10% dell’organico e quello di formulare l’atto di indirizzo per il PTOF, ha consentito di limitare i danni ed ha conservato quasi tutti i poteri degli organi collegiali del vecchio Testo unico. Un nuovo pericolo si intravede nel Decreto Madia che consentirà ai Dirigenti scolastici di sospendere all’infinito la contestazione d’addebito, mettendo sotto scacco l’insegnante con la minaccia di un provvedimento disciplinare.

CONVEGNO NAZIONALE


LA GOVERNANCE NELLA SCUOLA AI TEMPI DELLA LEGGE 107/2015

 

Salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone Piazza Gramsci, 13 - Frosinone

Mercoledì 3 maggio 2017 ore 9.30 – 13.30

La discussione molto accesa che ha caratterizzato l’iter della legge 107/2015 ha avuto il suo focus sulla proposta di aumentare i poteri dei Dirigenti scolastici, tant’è che uno dei pilastri della legge è senz’altro l’affermazione del principio gerarchico; l’altro è quello della competizione tra i docenti.

L’aspro scontro tra la politica e le donne e gli uomini di scuola, se da una parte non è riuscito ad impedire che, nella legge 107/2015, venissero approvate norme che affidano ai Dirigenti scolastici poteri come quello della chiamata diretta (oggi derubricata a chiamata per competenze), della distribuzione del “bonus merito” o la possibilità di nominare lo staff fino al 10% dell’organico e quello di formulare l’atto di indirizzo per il PTOF, ha consentito di limitare i danni ed ha conservato quasi tutti i poteri degli organi collegiali del vecchio Testo unico.

Un nuovo pericolo si intravede nel Decreto Madia che consentirà ai Dirigenti scolastici di sospendere all’infinito la contestazione d’addebito, mettendo sotto scacco l’insegnante con la minaccia di un provvedimento disciplinare.

Leggi tutto: CONVEGNO NAZIONALE - LA GOVERNANCE NELLA SCUOLA AI TEMPI DELLA LEGGE 107/2015

CONVEGNO INTERNAZIONALE Formazione e aggiornamento degli insegnanti alla luce della L. 107/2015

convegno_lecce_maggio_2017_fronte
CONVEGNO INTERNAZIONALE
La formazione e l'aggiornamento sono attività
i n d i s p e n s a b i l i p e r g a r a n t i r e l a q u a l i t à
dell'insegnamento durante tutto l'arco della vita
professionale dei docenti.
Stabilendo che la formazione in servizio è
obbligatoria, e quindi un dovere, la legge 107/2015
ha modificato l'articolo 64 del C.C.N.L. che recita:
“la partecipazione ad attività di formazione e
aggiornamento costituisce un diritto per il personale
in quanto funzionale alla piena realizzazione
realizzazione e allo sviluppo delle proprie
professionalità.
Un’incursione legislativa in una materia riservata al
contratto di lavoro.
Obiettivo del convegno è analizzare e approfondire il
significato e le conseguenze di tale cambiamento
sulla professionalità dei docenti e sui risultati
scolastici degli studenti.

CONVEGNO INTERNAZIONALE

 

Formazione e aggiornamento degli insegnanti alla luce della L. 107/2015

(Da diritto dovere a permanente, obbligatoria e strutturale)

 

La formazione e l'aggiornamento sono attività indispensabili per garantire la qualità dell'insegnamento durante tutto l'arco della vitaprofessionale dei docenti.

Stabilendo che la formazione in servizio èobbligatoria, e quindi un dovere, la legge 107/2015, ha modificato l'articolo 64 del C.C.N.L. che recita:

“la partecipazione ad attività di formazione eaggiornamento costituisce un diritto per il personale in quanto funzionale alla piena realizzazionerealizzazione e allo sviluppo delle proprieprofessionalità".

Un’incursione legislativa in una materia riservata al contratto di lavoro.

Obiettivo del convegno è analizzare e approfondire il significato e le conseguenze di tale cambiamento sulla professionalità dei docenti e sui risultati scolastici degli studenti.

 

Responsabile Scientifico

Prof.ssa Anna Maria Colaci

 

Comitato Scientifico organizzativo

Prof.ssa Anna Maria Colaci

Prof. Giovanni Savino

Prof.ssa Maria Rosaria Ferilli

Prof.ssa Maria Rita Serio

Prof. Carlo Alberto Augeri

Dott. Fabio Scrimitore

 

Saluto

Mariano Longo

Preside facoltà Scienze della Formazione, Politiche e Sociali.

Fabio Pollice

Direttore dipartimento DSSU

Maria Rosaria Ferilli

Coordinatrice Gilda degli Insegnanti di Lecce

 

Introduce

Rino di Meglio

Coordinatore Nazionale Gilda degli Insegnanti

 

Coordina

Dott. Fabio Scrimitore

 

Interventi

Prof.ssa Anna Maria Colaci

Docente di Storia della Scuola e delle Istituzioni Educative Università del Salento “Società liquida e formazione permanente”

 

Gianluigi Dotti

Responsabile Centro Studi Nazionale Gilda

“La formazione degli Insegnanti dal C.C.N.L. alla L.107/2015: dal diritto-dovere all’obbligo”


Fabrizio Reberschegg

Presidente Associazione Docenti Art.33

“La formazione dei Docenti: uno sguardo all’Europa”

 

Giovanni Savino

Docente Accademia Russa dell’economia nazionale e del servizio pubblico

“Insegnamento e ricerca: esperienze di lavoro in Russia”


Conclusioni e dibattito

 

CONVEGNO NAZIONALE "STAR BENE A SCUOLA 3"

convegno_gilda_calabria_05_04_2017CONVEGNO NAZIONALE "STAR BENE A SCUOLA 3"

Maltrattamenti a scuola o scuola maltrattata?

Burn out, aggressioni e denunce penali: il difficile lavoro dell'insegnante

Mercoledì 5 aprile ore 8.30-13.30
Hotel Village Centro Congressi La Principessa
Strada Statale 18 Tirrena Inferiore, Amantea (CS)
(Per info e prenotazioni: tel/fax 0968/432330 - cell. 3478785382 - 3496241850)


Una scuola che viene maltrattata non gode di buona salute e non può essere una "Buona Scuola". Lo stress lavoro correlato, noto anche come sindrome da burn out, e i sempre più frequenti casi di maltrattamenti in ambito scolastico rappresentano un termometro drammaticamente significativo del disagio vissuto dagli insegnanti. Già oberati da mansioni burocratiche che ne snaturano la funzione docente e ne mortificano la professionalità, troppo spesso i docenti sono vittime anche di aggressioni e denunce alla magistratura da parte dei genitori.
Obiettivo del convegno, giunto quest'anno alla terza edizione, è analizzare queste tematiche e proporre possibili "terapie" di prevenzione e cura da mettere in campo.

BRESCIA, 6 aprile 2017, CORSO DI AGGIORNAMENTO "PNSD e DOCENTI: proposte operative"

convegno_nazionale_brescia_06_04_2017

CORSO DI AGGIORNAMENTO "PNSD e DOCENTI: proposte operative"

 

 

Ore 8.30 Accreditamento partecipanti

 

Ore 9.00 Saluti e apertura del convegno

Prof. Adriano Cattelan (Coordinatore Provinciale Gilda Brescia)

 

Ore 9.30 Tavola Rotonda

"PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE: punti forti e criticità"

- dott. Emilio Zanette (Consulente per la casa editrice PEARSON

strategie editoriali e progetti globali)

- dott.ssa Caterina Lazzarini (Direttrice Editoriale LA SCUOLA spa)

- prof. Fabrizio Reberschegg (Presidente dell'Associazione Docenti Art. 33)

- prof. Daniele Barca (Dirigente scolastico, già Direttore Ufficio VI

Innovazione Digitale MIUR)

- prof. Giulio Spagnoli (Animatore Team Digitale I.I.S. "Lunardi" Brescia)

Modera: Nunzia Vallini (Direttrice del Giornale di Brescia e di Teletutto)

 

Ore 11.00 Coffee break

 

Ore 11.30 Esperienze PNSD di docenti e studenti

 

Ore 13.00 Buffet

 

Ore 14.00 Introduzione agli EAS (Episodi di Apprendimento Situato)

Dott.ssa Serena Triacca (CREMIT Centro di Ricerca sull'Educazione ai

Media all'Informazione e alla Tecnologia - Università Cattolica)

 

Ore 16.30 Conclusioni

 

Il convegno è aperto a tutti

Iscrizioni presso la segreteria dell'Associazione Docenti Art. 33 entro il 25 marzo 2017

Posti limitati: si va per ordine di iscrizione

A chi non ha frequentato il corso sarà richiesto un contributo di 15€ per la partecipazione al convegno (si possono pagare con la card docenti)

E' possibile usufruire del permesso per formazione e aggiornamento Art. 64, c.2 del CCNI 29-11-2007