Relazioni sindacali

Miur, informativa sull’avvio della rilevazione 2017,su “Osservatorio scuola digitale”

Si è svolta stamattina (13 giugno 2017) l'incontro al Miur tra la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l'istruzione e per l'innovazione digitale e le OO.SS. sul tema "Osservatorio scuola digitale. Avvio rilevazione 2017".
Il Direttore generale, Dott.ssa Simona Montesarchio, ha presentato la bozza per monitorare le condizioni delle scuole riguardo alla connettività ad internet, al cablaggio interno, all'uso dei "Bring your own device", alle dotazioni tecnologiche, ai laboratori, alle biblioteche, alla carta dello studente (ovviamente soltanto per le scuole secondarie), alle comunicazioni scuola-famiglia, al sito web dell'istituzione scolastiche e ai social media, alla digitalizzazione amministrativa, al registro elettronico, all'assistenza tecnica e all'amministrazione di sistema, alla competenze digitali degli studenti, agli ambienti di didattica digitale, all'innovazione didattica, al PTOF e azioni di coordinamento.
La rilevazione (a.s. 2016/2017) si concluderà entro il 20 luglio e dovrà riguardare tutte le scuole, così da avere un quadro completo dei dati per investire le risorse economiche con maggiore efficacia sulle strutture scolastiche. Si dovrà pervenire successivamente ad un sistema di monitoraggio aperto tutto l'anno e che il Miur preleverà a date determinate le informazioni inserite precedentemente dalle scuole.
La FGU ha fatto presente che ancora molte istituzioni scolastiche non hanno una adeguata connettività ad internet e mostrano carenti sistemi di cablaggio interno. Inoltre, assieme alle altre OO.SS., ha ribadito che il corposo questionario, che coinvolgerà il personale amministrativo e docente (animatore digitale e il team per l'innovazione digitale), da elaborare in questo periodo particolarmente impegnativo di fine anno sobbarcherà le scuole di ulteriori aggravi e fatiche. La soluzione sarebbe di spostare tale rilevazione subito dopo il 15 settembre.
L'Amministrazione ha preso atto delle richieste e ha precisato che il questionario potrà avere delle modifiche.

 

La delegazione FGU-Gilda degli Insegnanti

Incontro al MIUR su CCNI personale comandato

Resoconto incontro MIUR-OOSS
del 4 maggio 2017

 

Oggi, alle ore 9.30, si è tenuto un incontro tra la DG Bilancio e la DG Personale del MIUR e le OOSS con all'odg:
1) ipotesi CCNI riguardante l'applicazione dell'art. 18 comma 4 del CCNL 15 marzo 2001 del comparto scuola  -compensi al personale scolastico comandato/utilizzato nell'anno scolastico 2014/2015 presso gli uffici del MIUR- di cui all'art. 86 del CCNL 29 novembre 2007;
2) contrattazione art. 86 del CCNL 29 novembre 2007 - personale scuola utilizzato o comandato presso l'Amministrazione centrale - anno scolastico 2013/2014;
3) nuovo regolamento di contabilità delle istituzioni scolastiche;
4) Varie ed eventuali.


L'Amministrazione ha proposto alle OOSS il testo dell'Ipotesi di CCNI riguardante l'applicazione dell'art. 18 comma 4 del CCNL 15 marzo 2001 del comparto scuola - compensi al personale scolastico comandato/utilizzato nell'anno scolastico 2014/2015 presso gli uffici del MIUR - di cui all'art. 86 del CCNL 29 novembre 2007. Le OOSS hanno siglato l'Ipotesi che ricalca esattamente quella del 2013/14 recentemente certificata.
Il dott. Bonelli comunica l'avvenuta certificazione dell'atto datoriale per le risorse dell'art. 86 del CCNL 2007 per il personale utilizzato o comandato presso il MIUR nell'a.s. 2012/2013. La procedura per la liquidazione delle somme ai lavoratori è già stata avviata. Le OOSS si dichiarano indignate per il grave ritardo nel pagamento di questi emolumenti dovuti ai lavoratori dell'Amministrazione centrale, sono trascorsi ben 5 anni, e chiedono l'informazione successiva con i criteri, i nominativi e le cifre assegnate.
L'Amministrazione ha poi invitato le OOSS a contrattare le risorse dell'art. 86 del CCNL 2007 per il personale utilizzato o comandato presso l'Amministrazione centrale nell'a.s. 2013/2014 (punto 2). Come per gli anni passati le OOSS hanno dichiarato l'indisponibilità a procedere viste le richieste dell'Amministrazione relativamente ai criteri qualitativi nella distribuzione delle risorse e si concorda un verbale di mancata intesa. L'Amministrazione si riserva di procedere con atto datoriale.
Per quanto riguarda la certificazione del CCNI sul MOF 2016/17 l'Amministrazione comunica che non è ancora stata completata e che l'ipotesi è ancora ferma all'IGOP. Le OOSS protestano per il grave ritardo, l'ipotesi è stata firmata in giugno 2016, che mette in grande difficoltà le rsu delle scuole alle quali manca la certezza della disponibilità delle somme contrattate negli istituti. Sollecitano il MIUR a chiedere al MEF di certificare al più presto l'ipotesi.
Per le somme ritirate dai POS, finalmente, dopo 5 mesi, nei prossimi giorni ritorneranno nella disponibilità delle scuole, compreso l'80% del fondo per il merito 2015/16.
Rimane invece fermo il fondo per il merito 2016/17 in attesa della pubblicazione della sentenza sul ricorso relativo ai criteri di ripartizione.
Il direttore, dott. Greco, presenta l'iter seguito per stendere il nuovo Regolamento di contabilità. Illustra poi lo schema generale del Regolamento senza entrare nello specifico dei singoli articoli. Le OOSS chiedono di avere il testo del provvedimento, ma il direttore comunica che essendo alla firma della Ministra non può fornirlo. Le OOSS chiedono un'informativa puntuale una volta che il Regolamento sarà firmato dalla Ministra.
L'Amministrazione ritiene di poter terminare la procedura per l'emanazione del provvedimento entro i prossimi mesi così che il nuovo Regolamento possa entrare in vigore dal 1 gennaio 2018.
Sui fondi per le aree a rischio del 2016/17 (nota del 28 aprile 2017, n. 2229) le OOSS chiedono che il termine per concludere le attività progettate sia spostato al 31 dicembre 2017 visto il ritardo con il quale sarà comunicato alle scuole l'accoglimento e il finanziamento dei progetti.
Infine le OOSS chiedono la quantificazione della economie 2015/16 sul MOF e di discuterne la destinazione in una prossima riunione.

La delegazione FGU-Gilda degli Insegnanti

CARD DOCENTE, SI PARTE DAL 30 NOVEMBRE CON IL SISTEMA DEI BUONI SPESA. SI POTRANNO SPENDERE ANCHE I SOLDI NON SPESI NEL 2015/16

Resoconto incontro MIUR-OOSS del 21 novembre 2016

Questo pomeriggio alle ore 15.00, presso il Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali del MIUR, si sono incontrate la delegazione di parte pubblica, guidata dal Capo Dipartimento dott.ssa Bono, e le OOSS rappresentative per l'informativa relativa all'attuazione della Card del docente, art. 1 comma 121 della Legge 107/2015.
La dott.ssa Bono presenta i gestori della piattaforma AGID e SOGEI e dopo aver brevemente ricordato la normativa di riferimento passa all'illustrazione del nuovo DCPM, attualmente in registrazione con la nuova procedura per l'erogazione della card per l'aggiornamento.
Per quanto riguarda i beneficiari vengono confermati i docenti di ruolo a tempo pieno e part-time, quelli nell'anno di formazione, gli inidonei per salute, quelli in comando, distacco e fuori ruolo, quelli delle scuole all'estero e di quelle militari. Mancano gli educatori.
Si mantengono anche gli ambiti nei quali spendere la somma, che corrisponderanno ai settori inseriti nella piattaforma: formazione e aggiornamento, libri e testi (anche digitali), mostre ed eventi culturali, musei, cinema, teatro, spettacoli dal vivo, hardware e software.
La tempistica, per l'implementazione della piattaforma cartadeldocente.istruzione.it, che potrebbe subire qualche cambiamento visto la complessità dell'operazione, prevede:
- 28 novembre, apertura agli esercenti e agli enti (anche online) per la registrazione gratuita sulla piattaforma con l'indicazione degli ambiti nei quali intendono fornire i loro beni e servizi; la parte delle scuole, università, conservatori e accademie vengono accreditate direttamente dal MIUR; per la parte musei e cinema si utilizza la banca dati del MIBAC; la piattaforma sarà aggiornabile in progress per tutto l'anno scolastico;
- 30 novembre, apertura per la registrazione dei docenti; i docenti possono registrarsi lungo tutto l'anno scolastico, naturalmente lo devono fare prima di effettuare l'acquisto.


I docenti per accedere alla piattaforma cartadeldocente.istruzione.it devono aver acquisito l'identità digitale (SPID), anche in questo caso non c'è una data di scadenza, comunque la si può fare già da ora. La SPID che si può richiedere a quattro operatori, di cui alcuni gratuiti: INFOCERT, POSTE, TIM, SIELTE dà garanzie di sicurezza e servirà nel futuro per tutti i servizi online della pubblica amministrazione ai quali si accederà con un unico user e un'unica password.
Alla piattaforma, tramite lo SPID, possono accedere solo i docenti che ne hanno titolo e avranno a disposizione un "borsellino elettronico" di 500,00 euro (NB: a differenza di quanto affermato fino ad ora dal MIUR le somme non spese sono cumulabili negli anni successivi). Il docente che non ha speso interamente la cifra dell'anno scolastico 2015/2016 la potrà spendere entro il 31 agosto 2017 (da rendicontare con le vecchie modalità).
Al primo ingresso il docente troverà la richiesta di indicare se ha già effettuato delle spese dal 1 settembre 2016 al 30 novembre 2016.

Alla risposta affermativa verrà indirizzato nella parte del sito che gli permetterà di emettere un buono per il settore e per la cifra utilizzata, che andrà a scalare i 500,00 euro di base.

Con il buono e la ricevuta fiscale della spesa (pezza giustificativa) si reca nella segreteria della propria scuola che caricherà la richiesta dell'importo.

Il MIUR invierà i soldi alla scuola che, dietro presentazione della pezza giustificativa, liquiderà al docente.
I docenti che non hanno già effettuato spese, una volta entrati nella piattaforma, possono farsi emettere un buono (con barcode simile ai buoni pasto) per prenotare un acquiso all'interno delle offerte degli esercenti o enti registrati.

Per esempio: prenoto un film e poi per motivi diversi non ci posso andare, annullo la prenotazione la somma non mi viene scalata dal borsellino elettronico; l'unica categoria che non si può disdire è quella dei musei.
Se la spesa supera i 500,00 euro è consentito il mix di pagamento (parte card, parte personale).

Saranno attivati anche call-center dedicati ai soli docenti per chiarimenti e risoluzione delle problematiche incontrate nell'utilizzo della piattaforma.
Il DPCM, contrariamente a quanto previsto fino ad ora, all'art. 6, c.6, prevede che le somme non spese siano cumulabili nel corso degli anni. Quindi anche ciò che non è stato speso l'anno precedente, lo si ritrova nel "borsellino"
Nel caso il docente cambi indirizzo o mail nell'anagrafica è prevista la funzione modifica dove inserire i nuovi dati.
Le OOSS hanno rilevato la complessità dell'operazione sia per i numeri coinvolti (740.000 docenti) sia per la somma (oltre 380ml di euro) e confidano che non si verifichino le problematiche vissute anche di recente con le piattaforme informatiche del MIUR.
La nostra delegazione ha chiesto chiarimenti in merito ai corsi di aggiornamento e formazione all'estero e l'Amministrazione ha risposto che tutti gli enti accreditati in piattaforma sono abilitati anche se università o enti che operano all'estero.

Ha poi lamentato la mancanza, tra i beneficiari, degli educatori, per i quali ci sono già state pronunce della magistratura, e dei precari.
Le OOSS hanno chiesto di non ripetere l'esperienza delle FAQ perché non hanno valore di atto amministrativo e di monitorare con successivi incontri questa prima attuazione così da poter effettuare eventuali correzioni prima della messa a regime del prossimo anno scoalstico.
Il MIUR ha dato la disponibilità ad individuare un referente per le OOSS al fine di risolvere eventuali casi problematici.

La Delegazione FGU-Gilda degli Insegnanti

FONDI MOF E BONUS, TRA RITARDI E INCERTEZZA

Resoconto incontro MIUR-OOSS del 26 aprile 2017

 

Oggi, alle ore 10.00, si è tenuto un incontro tra la DG Bilancio del MIUR e le OOSS con all'odg:
1) Sottoscrizione definitiva ipotesi CCNI riguardante l'applicazione dell'art. 18 comma 4 del CCNL 15 marzo 2001 del comparto scuola - compensi al personale scolastico comandato/utilizzato nell'anno scolastico 2013/2014 presso gli uffici del MIUR- di cui all'art. 86 del CCNL 29 novembre 2007;
2) applicazione art. 86 del CCNL 29 novembre 2007 - personale scuola utilizzato o comandato presso l'amministrazione centrale- anno scolastico 2013/2014;
3) assegnazione alle scuole dei fondi del bonus 2016/17;
4) disponibilità su cedolino unico delle singole scuole dei fondi MOF 2016/17;
5) restituzione su cedolino unico delle singole scuole dei fondi residui MOF 2015/16;
6) restituzione su cedolino unico delle scuole dei fondi del bonus 2015/16;
7) pagamento personale art. 86 CCNL Scuola;
8) sperimentazione help desk;
9) nuovo regolamento di contabilità.


L'Amministrazione in apertura, dati i tempi molto stretti e l'assenza della DG Personale, ha proposto di rinviare i punti 2 e 9 dell'odg ad una prossima riunione convocata per il 4 maggio prossimo.
Il direttore Greco informa le OOSS che i fondi per il bonus-merito del 2015/16 (punto 6) sono già stati erogati all'80%.

I fondi del bonus-merito 2016/17 (punto 3) e il rimanente 20% del 2015/16, che sono nelle disponibilità del bilancio MIUR, saranno erogati dal MIUR alle scuole dopo che il TAR si sarà pronunciato sul ricorso pendente sulla correttezza dei criteri di riparto (l'udienza si è tenuta la settimana scorsa e la sentenza è attesa per i prossimi giorni).
Per quanto riguarda i diversi fondi 2015/16: MOF, FIS, bonus-merito, ecc. (punti 5 e 6) che erano rimasti sui POS delle scuole e che sono stati ritirati a fine 2016 il direttore precisa che l'iter di recupero delle somme dal MEF, compresa la certificazione della Corte dei Conti, è quasi concluso e nelle prossime settimane il MIUR caricherà sui POS delle scuole le somme ritirate.
Per il MOF del 2016/17 sono invece ancora in corso le operazioni di certificazione da parte degli uffici del MEF e saranno accreditate sui POS appena conclusa la procedura di certificazione dell'ipotesi di CCNI del 27 giugno 2016.
Le OOSS lamentano le lentezze della procedura di certificazione a causa della quale il CCNI sul riparto del MOF firmato a giugno 2016, che doveva dare certezze alle RSU per le contrattazioni d'Istituto, è invece ancora in sospeso senza la sigla definitiva. Chiedono al direttore di intervenire in modo deciso sugli uffici che hanno il compito della certificazione dei CCNI e, visti i tempi di attesa, di iniziare immediatamente la discussione del prossimo CCNI sulla distribuzione del MOF 2017/18.
Allo stesso modo protestano e ritengono inaccettabile che per riaccreditare le somme tolte dai POS delle scuole a dicembre debbano passare ben 5 mesi.
Chiedono inoltre di avere tutti i dati relativi alle economie dell'a.s. 2015/16, in particolare quelle sui fondi della pratica sportiva.
Le OOSS ritengono inaccettabile il mancato inserimento nel DPCM della card del personale educativo, dopo che lo scorso anno era stata imposta dalla magistratura con una sentenza (che il MIUR ha appellato).
Infine si passa alla firma definitiva del CCNI riguardante i compensi al personale scolastico comandato/utilizzato nell'anno scolastico 2013/14 presso gli uffici del MIUR (punto 1).

La delegazione FGU-Gilda degli Insegnanti