IN EVIDENZA

Sondaggio sulla DID

sondaggio_DDI

 

Ultime Notizie

LAVORO AGILE DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO, AUSILIARIO E DSGA NEL PERIODO DI EMERGENZA DA COVID-19
LAVORO AGILE DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO, AUSILIARIO E DSGA NEL PERIODO DI EMERGENZA DA COVID-19
COVID, GILDA: DATI SUI CONTAGI NELLE SCUOLE SMENTISCONO PROPAGANDA
COVID, GILDA: DATI SUI CONTAGI NELLE SCUOLE SMENTISCONO PROPAGANDA
PENSIONI,DOMANDE ENTRO IL 7 DICEMBRE 2020
PENSIONI,DOMANDE ENTRO IL 7 DICEMBRE 2020
ORGANICO COVID: ERRORI NEI CALCOLI, STIPENDI DEI SUPPLENTI IN RITARDO
ORGANICO COVID: ERRORI NEI CALCOLI, STIPENDI DEI SUPPLENTI IN RITARDO

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

ATA
Graduatorie permanenti del personale ATA 24 MESI - domande on line dal 5 maggio al 3 giugno 2020.
ATA

Graduatorie permanenti del personale ATA 24 MESI - domande on line dal 5 maggio al 3 giugno 2020.
I termini per la presentazione delle domande di concorso per l'accesso ai diversi profili del personale ATA sono stati fissati dal Ministero con nota del 29 aprile 2020 inviata agli Uffici Scolastici Regionali che dovranno pubblicare i relativi bandi di indizione di concorso per soli titoli entro e non oltre la data del 4 maggio p.v.

 

 
Graduatorie permanenti del personale ATA, aggiornamento online tra qualche giorno
ATA
Graduatorie permanenti del personale ATA
Presentazione domande di nuova inclusione e di aggiornamento con procedura telematica attraverso l'utilizzo della piattaforma ISTANZE ON LINE.

 

In data odierna, 28 aprile 2020, convocato dalla Direzione Generale del Personale scolastico si è tenuto in video conferenza un incontro tra i rappresentanti del Ministero dell'istruzione e delle Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del Comparto Istruzione.

Per la Federazione Gilda Unams ha partecipato Silvio Mastrolia.

Durante l'incontro è stata presentata la nuova piattaforma da utilizzare per l'aggiornamento delle graduatorie permanenti e per i nuovi inserimenti dal personale ATA con almeno 24 mesi di servizio nelle Scuole statali come precario.

La nuova procedura è stata determinata dalla situazione epidemiologica che non ha reso possibile la compilazione delle domande manualmente e ha comportato conseguentemente lo slittamento dei termini previsti per il tempo necessario a mettere a punto la nuova procedura telematica.

I rappresentanti del Gestore del sistema informatico hanno illustrato le nuove modalità attraverso la simulazione della compilazione della domanda. Le sezioni da compilare sono nel contenuto simili ai modelli cartacei compilati negli anni precedenti per cui, a parte la novità procedurale, non dovrebbero emergere difficoltà particolari durante la presentazione delle domande.

Non sono state fornite date puntuali sui tempi che saranno assegnati per le domande anche se, si ritiene, che il tutto possa avere avvio entro 10 o 15 giorni che sono necessari a mettere a punto in via definitiva la procedura, anche sulla base dei suggerimenti e delle riflessioni avanzati durante l'incontro, e consentire agli USR di apportare le modifiche necessarie ai bandi già pubblicati nello scorso di marzo.

I termini saranno unici per tutto il territorio nazionale e non, come avveniva negli anni scorsi, differenti tra i diversi Uffici Scolastici Regionali.

Il nuovo sistema, che sicuramente rappresenta un fatto positivo, sarà ovviamente utilizzato anche per i prossimi anni scolastici.

I sindacati saranno riconvocati per avere l'informativa definitiva di termini entro i quali saranno presentate le domande, appena saranno definiti.

 

LA DELEGAZIONE GILDA UNAMS

 
PERSONALE ATA, SCUOLE CHIUSE SALVO ATTIVITÀ INDIFFERIBILI
ATA
PERSONALE ATA, SCUOLE CHIUSE SALVO ATTIVITÀ INDIFFERIBILI
In caso di attività "indifferibili" il Dirigente scolastico dovrà fare la determina

 

In data 17 marzo 2020 sulla edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana è stato pubblicato il Decreto Legge n.18 riguardante misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.
RITENIAMO DI POTER FARE UNA VALUTAZIONE DEFINITIVA SUL CONTENUTO DEL DECRETO PER QUANTO ATTIENE ALLA CORRETTA GESTIONE DEL LAVORO DEL PERSONALE ATA NELLE SCUOLE IN QUESTA PERIODO DI EMERGENZA SANITARIA.
L'art.87, comma 1, lettera a) prevede per la Pubblica Amministrazione l'obbligo di limitare la presenza del personale negli Uffici per assicurare esclusivamente le attività ritenute indifferibili e che richiedono necessariamente la presenza sul luogo di lavoro, anche in ragione della gestione dell'emergenza.


Il comma 3 dello stesso articolo dispone che, qualora non sia possibile ricorrere al lavoro agile, le amministrazioni utilizzano gli strumenti delle ferie pregresse, del congedo, della banca ore, della rotazione e di altri analoghi istituti, nel rispetto della contrattazione collettiva.

 

Inoltre, esperite tali possibilità, le Amministrazioni possono motivatamente esentare il personale dipendente dal servizio riconoscendo il periodo di esenzione come servizio prestato a tutti gli effetti di legge.
Vogliamo ricordare che la possibilità del c.d. lavoro agile riguarda tutti gli Assistenti amministrativi e può riguardare anche gli Assistenti tecnici. Tale modalità di prestazione del servizio, però, non può essere utilizzata dai Collaboratori Scolastici.
Il Contratto collettivo del Comparto Istruzione e Ricerca – sezione Scuola - prevede che le ferie sono un diritto irrinunciabile e non sono monetizzabili e che il Personale ATA deve richiederle al Dirigente scolastico.
QUINDI LE FERIE DEVONO ESSERE RICHIESTE E NON DATE D'UFFICIO.
Per quanto riguarda i recuperi, Il Contratto di lavoro del comparto Istruzione e Ricerca – sezione Scuola - prevede che le PRESTAZIONI ECCEDENTI l'orario di servizio rese dal personale ATA sono retribuite e che, se il dipendente presta attività oltre l'orario giornaliero, può richiedere, in luogo della retribuzione, il recupero di tali ore anche in forma di corrispondenti ore e/o giorni di riposo compensativo.
Solamente il dipendente può decidere se al posto della retribuzione intende usufruire di riposo compensativo. Il Dirigente scolastico non può disporre il recupero d'Ufficio in quanto ciò è incompatibile con le disposizioni della contrattazione collettiva.
Analogo discorso vale per tutte le altre forme di "congedo" attualmente previste dalle norme che vanno concesse, ricorrendone i presupposti, a richiesta dei dipendenti.
- IN QUESTO PERIODO ABBIAMO TUTTI L'OBBLIGO DI RIMANERE A CASA –
I DIRIGENTI SCOLASTICI HANNO IL DOVERE, SE NON IN CASI INDIFFERIBILI, DI EVITARE LO SPOSTAMENTO GIORNALIERO DEI DIPENEDENTI.
Eventuali comportamenti difformi potranno essere segnalati dagli iscritti alle segreterie provinciali del NOSTRO SINDACATO.
Silvio Mastrolia

 
INCONTRO ALL’ARAN SU REVISIONE PROFILI PROFESSIONALI ATA
ATA
Commissione paritetica sul sistema di classificazione professionale Personale ATA prevista dall'art. 34 del CCNL 2016/2018 Istruzione e Ricerca, come previsto dall'art. 34 del CCNL 2016/18 sottoscritto il 18 aprile 2018.
Resoconto incontro ARAN del 12/11/19

 

Il giorno 12/11/2019 alle ore 11,00 si è tenuto presso la sede dell'ARAN un ulteriore incontro della Commissione paritetica per la revisione dell'ordinamento dei profili professionali del personale ATA, come previsto dall'art. 34 del CCNL 2016/18.
Presenti per l'Agenzia, il Presidente dott. Antonio Naddeo ed i dirigenti dott. Mastrogiuseppe e Marongiu; le OO.SS. rappresentative firmatarie della scuola ed alcuni dirigenti in rappresentanza del MIUR. Per la Federazione Gilda Unams hanno partecipato Silvio Mastrolia e Laura Ieva.
Il Presidente neo eletto, apre i lavori e cede la parola al dott. Mastrogiuseppe il quale illustra una serie di proposte operative contenute in un documento che viene consegnato ai presenti ed elaborate dall'ARAN sulla base di una analisi delle criticità degli attuali profili.
Le proposte formulate riguardano una nuova articolazione del personale ATA in sole 4 aree con l'obiettivo di conseguire maggiore fungibilità all'interno di ciascuna nuova area; in tal senso saranno introdotti modelli più flessibili da attuare con un sistema di incarichi che richiedono competenze professionali superiori cui far corrispondere un riconoscimento economico aggiuntivo.

In particolare l'unificazione di alcune Aree riguarderebbe l'Area A con l'Area AS e l'Area C con l'Area D.
Tali nuove aree avranno una denominazione evocativa del livello di qualificazione richiesto per ciascuna di esse.
Le OO.SS., pur consapevoli della necessità di revisione dei profili professionali, respingono fermamente la proposta dell'ARAN ritenendo che invece si debbano salvaguardare le competenze specifiche acquisite dal personale e valorizzarle con l'allocazione di maggiori risorse economiche ed una formazione sempre più efficace.
La delegazione FGU ha inoltre puntualizzato che con l'art. 34 del CCNL si è voluta evidenziare l'esigenza di modificare alcuni assetti definiti prima dell'entrata in vigore dell'autonomia scolastica, tenuto conto della evoluzione normativa e gestionale che ha coinvolto le scuole dagli anni 2000 ad oggi; viceversa, la proposta dell'ARAN si inquadrerebbe in un netto ritorno al passato.
Il dott. Naddeo in chiusura, ha convocato il tavolo per il giorno 4 dicembre alle ore 11,00 ed ha sottolineato che la proposta di revisione dovrà comunque essere condivisa dalle parti.


La Delegazione FGU

 
VERBALE D'INTESA PER UN CONTRONTO SUL RECLUTAMENTO DSGA
ATA
In data 12 settembre 2019 le OO.SS. rapprsenetative del comparto istruzione e ricerca hanno sottoscritto un verbale d'intesa per lo svogilemnto di un confronto per il reclutamento dei DSGA.  
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 28