CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

IMMISSIONI IN RUOLO ATA. AUTORIZZATE 7.872 ASSUNZIONIIMMISSIONI IN RUOLO ATA. AUTORIZZATE 7.872 ASSUNZIONI
FONDO DI ISTITUTO, RIACCREDITATE LE ECONOMIE ALLE SCUOLEFONDO DI ISTITUTO, RIACCREDITATE LE ECONOMIE ALLE SCUOLE
Scuole estero - sedi vacanti as 2019/20Scuole estero - sedi vacanti as 2019/20
STABILIZZAZIONE DEGLI EX LSU – Resoconto incontro INFORMATIVA del 1° agosto 2019.STABILIZZAZIONE DEGLI EX LSU – Resoconto incontro INFORMATIVA del 1° agosto 2019.

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

DI MALE IN PEGGIO!!
Relazioni sindacali
Il giorno 3 dicembre alle ore 10.30 si è svolto l'incontro tra amministrazione MIUR (Novelli, Bonelli) e OO.SS. in merito alla questione degli ambiti e dei nodi tecnici e politici relativi al prossimo contratto sulla mobilità.
La dott.ssa Novelli ha insistito per concludere la discussione sugli elementi problematici entro Natale (prossima riunione lunedì 14 dicembre).
L'amministrazione ha comunicato alle OO.SS. i criteri che il tavolo "tecnico" avrebbe predisposto sulla costituzione degli ambiti.

 

I criteri individuati dall'amministrazione sono:
 - Gli ambiti non potranno avere territori di province o regioni diverse
 - Dovranno comprendere scuole del 1 e del 2 ciclo
 - Dovranno comprendere al loro interno un numero non superiore a 40 mila allievi con deroga a 60mila nelle città metropolitane
 - L'ambito non dovrebbe avere una popolazione scolastica inferiore a 22 mila alunni (previste deroghe motivate come da comma 66 della legge 107 , ad es. caratteristiche del territorio, ecc.)
 - Dovranno comprendere singole istituzioni nella loro interezza
 - Si prevedono deroghe per le 4 province al di sotto di 22mila allievi (Gorizia, Isernia, Verbania, Oristano)
   Come mera esemplificazione: Napoli 26 ambiti, Roma 25, Foggia 6, Avellino 4, Nuoro 2.

 
Rispetto ai distretti attuali che sono circa 800 si passerebbe a circa 380 ambiti se si tenesse conto del numero medio degli allievi senza deroghe.
Naturalmente saranno gli UU.SS.RR. ad applicare nel concreto i criteri e a definire gli ambiti.
La nostra delegazione ha preso atto dell'informativa e ha fortemente contestato la definizione degli ambiti prospettando le gravi conseguenze in termini di lesione dei diritti individuali dei docenti.

La FGU-Gilda degi Insegnanti è pronta ad impugnare sia gli atti dell'amministrazione centrale sia di quella periferica se non ci saranno cambiamenti radicali per la difesa delle posizioni e dei diritti dei docenti.

In merito alle richieste fatte dalle OO.SS., l'amministrazione ha precisato che:
 - L'organico sarà regionale in attesa del coordinamento tra la legge 107/15 e il testo unico (con titolarità di ambito)
 - Rimane annuale la scansione del CCNI sulla mobilità

Tra le ipotesi per la futura mobilità si evidenzia la seguente impostazione generale, ancora suscettibile di modifiche anche di sostanza. Ci sarebbero tre fasi:
 - I fase: saranno trattate le assegnazioni definitive delle fasi 0 e A con titolarità sulla scuola (e non su ambito)
 - II fase: mobilità straordinaria di tutti di docenti assunti entro il 2014/15 su tutti gli ambiti territoriali nazionali
 - III fase: saranno trattate le assegnazioni definitive delle fasi B e C – GAE- con titolarità sugli ambiti nazionali (per graduatorie di concorso ordinario sarà su ambiti regionali)

L'amministrazione ha proposto un emendamento nel mille proroghe per il mantenimento delle assegnazioni provvisorie senza vincoli anche per l'a.s.2016/17.

La delegazione della FGU-Gilda ha espresso la sua netta contrarietà all'impostazione generale che è del tutto funzionale alla chiamata diretta dei dirigenti creando oggettive e inaccettabili disparità di trattamento tra i docenti.

Roma 3 dicembre 2015
La delegazione della FGU-Gilda degli Insegnanti

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon