SPECIALE CONCORSI 2020

SPECIALE CONCORSI 2020

Ultime Notizie

CONFRONTO SU IMMISSIONI IN RUOLO 2020/2021 DEL 28 MAGGIO 2020
CONFRONTO SU IMMISSIONI IN RUOLO 2020/2021 DEL 28 MAGGIO 2020
PRECARI, GILDA: UN CONCORSO CHE DI STRAORDINARIO NON HA PIÚ NULLA
PRECARI, GILDA: UN CONCORSO CHE DI STRAORDINARIO NON HA PIÚ NULLA
PROROGA DI TUTTI I CONTRATTI DI SUPPLENZA DEL PERSONALE ATA IN SCADENZA AL 30.6.2020
PROROGA DI TUTTI I CONTRATTI DI SUPPLENZA DEL PERSONALE ATA IN SCADENZA AL 30.6.2020
Proseguimento lavoro agile nelle Scuole
Proseguimento lavoro agile nelle Scuole

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

Brunetta: visite fiscali dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.
Comunicato

Il Ministro Brunetta ha deciso di rimettere mano alle fasce orarie durante le quali il docente malato è tenuto a farsi trovare in casa per ricevere il medico fiscale.
 

A maggio le aveva ampliate a undici ore, dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 20; a luglio le aveva ridotte, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, in conformità del nostro CCNL che, ricalcando le fasce previste per i lavori privati, prevede che esse siano comprese nell’intervallo 10-12 e 17-19. Dunque 4 ore in tutto. Ora ha deciso di portarle a 7: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. E lo farà con un decreto.

 

Per consentire questo ampliamento il governo ha inserito un’apposita delega nel decreto legislativo 150/09 (GU n. 254 del 31.10.2009 – Supp. Ordinario n. 197), che dà attuazione alla legge 15/2009, in vigore dal 15 novembre 2009.
Il provvedimento è stato motivato con la necessità di introdurre un deterrente contro l’aumento del numero delle assenze dei dipendenti pubblici. «Per colpa di qualcuno non si fa credito a nessuno», ha commentato il ministro, che spiega di aver commesso un «errore» nel tornare indietro, riportando a luglio la reperibilità a quattro ore.
 

Se il motivo è questo, abbiamo ragione di credere che il provvedimento non sortirà effetto alcuno sulla riduzione delle assenze.
 

Come è noto, quest’anno, oltre all’influenza stagionale c’è anche quella del virus H1HN. In particolare, per quest’ultima patologia il Ministero dell’istruzione ha già dato istruzioni, raccomandando ai docenti e agli alunni malati di rimanere a casa per non diffondere il contagio.
 

Un comportamento schizofrenico, quello del Ministro, che da un lato chiede ai docenti influenzati di stare a casa, dall'altro ignorando le richieste della Gilda, li punisce applicando la tassa sulla malattia.
 

La Federazione Gilda Unams ha comunque presentato ricorso alla Corte Costituzionale contro la tassa sulla malattia e riproporrà un contenzioso per far pagare allo Stato le ore di reperibilità al domicilio eccedenti l'orario di lavoro settimanale.



Roma, 2 novembre 2009
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 

Iscrizione FGU

 

Locandina-gilda-1200x1200

 

corsi_formazione_art_33

 

Assicurazione Iscritti Gilda AIG Europe

 

 

caf_anmil

 

caf_acli

bannerinofgu2

 

cgs_logo

logo-centrostudigilda

 

professione_docente_logo

ATA

CONTRATTAZIONI INTEGRATIVE

cdr