CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

Scuola: sul precariato confronto aggiornato a martedì prossimoScuola: sul precariato confronto aggiornato a martedì prossimo
EDILIZIA SCOLASTICA, GILDA: INVESTIRE SU NUOVE STRUTTURE PIÙ FUNZIONALIEDILIZIA SCOLASTICA, GILDA: INVESTIRE SU NUOVE STRUTTURE PIÙ FUNZIONALI
Misure per i precari, prosegue il confronto fra sindacati e MiurMisure per i precari, prosegue il confronto fra sindacati e Miur
VERBALE D'INTESA PER UN CONTRONTO SUL RECLUTAMENTO DSGAVERBALE D'INTESA PER UN CONTRONTO SUL RECLUTAMENTO DSGA

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

IL 5 GIUGNO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA CONTRO I TAGLI E PER LA LIBERTÁ DI ESPRESSIONE NELLA SCUOLA
Comunicato
manifestazione_5_giugno_2010_mini

Si svolgerà il 5 giugno a Roma in piazza Santi Apostoli, alle ore 15, la manifestazione nazionale indetta dalla Gilda degli Insegnanti per protestare contro i tagli agli organici, la riforma della scuola superiore, l’ipotesi di bloccare gli scatti di anzianità e le norme e le procedure disciplinari nei confronti dei docenti previste dal decreto Brunetta.

 

“La scuola pubblica italiana – dichiara il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio – è vittima di un terremoto che la sta mettendo sempre più in ginocchio. La prima scossa assestata da questo Governo è arrivata con la riforma della scuola superiore e con la pesantissima seconda ondata di tagli agli organici. Un’altra grave ferita rischia di essere inferta con il blocco degli scatti di anzianità, una manovra che, se messa in pratica, comporterebbe una riduzione degli stipendi degli insegnanti, visto che si tratta di riconoscimenti economici inclusi nelle risorse contrattuali. E adesso – sottolinea Di Meglio - ad aprire un’ulteriore crepa nel sistema dell’istruzione, si sono aggiunte le sanzioni disciplinari previste dal decreto Brunetta, vere e proprie norme liberticide che, di fatto, attribuiscono ai dirigenti scolastici i poteri dell’imprenditore privato e trasformano i docenti in prestatori d’opera subordinati”.

 

“Questa manifestazione nazionale – spiega Di Meglio – sarà solo l’inizio di una lunga serie di iniziative di protesta che contrassegnerà tutto il prossimo anno scolastico e con cui chiamiamo alla mobilitazione non solo gli insegnanti, ma l’intera società civile. Il 5 giugno scenderemo in piazza – conclude il coordinatore nazionale – per ricordare ai ministri Brunetta e Gelmini e a tutto il Governo che la scuola pubblica statale deve caratterizzarsi per il pluralismo e per l’incoraggiamento della professionalità, cioè l’esatto contrario di quanto è accaduto nei giorni scorsi in Emilia Romagna”.

 

In occasione della manifestazione, la Gilda degli Insegnanti offrirà alla cittadinanza un concerto che sarà eseguito in piazza Santi Apostoli.

 

 

Roma, 26 maggio 2010

Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Ester Trevisan

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 

Iscrizione FGU

 

EuroCQS

 

Locandina-gilda-1200x1200

 

corsi_formazione_art_33

 

Assicurazione Iscritti Gilda AIG Europe

 

 

caf_anmil

 

caf_acli

bannerinofgu2

 

cgs_logo

logo-centrostudigilda

 

professione_docente_logo

ATA

CONTRATTAZIONI INTEGRATIVE

cdr