CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

APPROVAZIONE DEL PTOF 2019/22, SCADENZA RINVIATA FINO ALL'APERTURA DELLE ISCRIZIONIAPPROVAZIONE DEL PTOF 2019/22, SCADENZA RINVIATA FINO ALL'APERTURA DELLE ISCRIZIONI
Iscrizione alla Federazione Gilda-UnamsIscrizione alla Federazione Gilda-Unams
Incontro al MIUR su su bando Maeci per scuole italiane all'estereIncontro al MIUR su su bando Maeci per scuole italiane all'estere
CALENDARIO INCONTRI MIUR/SINDACATI A SETTEMBRE. ASSUNTI FINORA MENO DELLA METÀ DEI DOCENTI PREVISTICALENDARIO INCONTRI MIUR/SINDACATI A SETTEMBRE. ASSUNTI FINORA MENO DELLA METÀ DEI DOCENTI PREVISTI

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

Federazione Gilda-Unams
Comunicato
Sistema informatico bloccato, Miur proroghi scadenza e torni al cartaceo “È inaudito che il sistema informatico del Miur vada in tilt a pochi giorni dalla scadenza dei termini per le assegnazioni provvisorie e l’aggiornamento delle graduatorie di istituto. La piattaforma Istanze OnLine risulta bloccata, centinaia di migliaia di utenti stanno tentando disperatamente di accedere senza riuscirci e le nostre sedi provinciali sono prese d’assalto. È una situazione intollerabile, indegna di un Paese civile”.

Così Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della Gilda degli Insegnanti, interviene in merito al caos provocato dalle disfunzioni del sistema informatico e dai tempi ristretti stabiliti per l’inserimento telematico del modello B e le assegnazioni provvisorie.
Leggi tutto...
 
Comunicato

 tiltA conclusione del ciclo di incontri politici presso il MIUR il coordinatore della FGU-Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, ha manifestato apprezzamento per il metodo del confronto e moderata soddisfazione sui contenuti, che riguardano tutti i temi aperti per Scuola, Afam, Università e Ricerca.

"Tutta questa buona volontà" -afferma Rino Di Meglio- "si scontrerà nella fase contrattuale con la totale mancanza di risorse economiche".

Per quanto riguarda invece le operazioni di mobilità annuale e di compilazione del modello B delle graduatorie d'istituto, che in questo periodo vedono coinvolti un numero molto alto di docenti la FGU-Gilda degli Insegnanti protesta in modo deciso perché, come in altre occasioni, si è ripetuto il malfunzionamento della piattaforma informatica che porta a continui blocchi che gettano nella disperazione i docenti.
"Non è possibile che la fretta e l'approssimazione" -afferma Rino Di Meglio- "della macchina burocratica metta le scuole e i docenti nelle condizioni di passare la bollente estate del 2017 a rincorrere le disfunzioni del sistema informatico che dovrebbe facilitare le operazioni e risparmiare tempo. Non farlo perdere come sta, invece, avvenendo".

Roma, 14 luglio 2017

 

 
ATA

ORGANICI PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2017/2018

CHIUSO IL  TAVOLO DI CONCERTAZIONE (verbale)

---------------------------------

Il giorno 27 giugno 2017 si è svolta al MIUR la seduta conclusiva del tavolo di concertazione richiesto dalle OO.SS., aperto il 19 giugno, in merito ai criteri per la definizione e la ripartizione delle dotazioni organiche di diritto del personale ATA per l'anno scolastico 2017/2018.

Erano presenti l'Amministrazione, rappresentata dalla dott.ssa NOVELLI e dal  dott. Giacomo Molitierno ed i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali del Comparto Scuola, per la Federazione Gilda Unams Silvio Mastrolia.

Leggi tutto...
 
Comunicato

utilizzazioni "Grazie a una trattativa serrata con il Miur e al nostro pressing, siamo riusciti a conquistare terreno sufficiente per decidere di siglare l'accordo sulle utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie".

È quanto dichiara la Gilda degli Insegnanti dopo la firma del contratto avvenuta oggi pomeriggio al ministero dell'Istruzione.

Maria Domenica di Patre, vice coordinatrice della Gilda e capo della delegazione che ha partecipato a tutti gli incontri a viale Trastevere, spiega le ragioni del sì: "Abbiamo ottenuto la deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di titolarità e le scelte dei docenti saranno effettuate sulle scuole e non sugli ambiti territoriali, come invece prevede la legge 107/2015. Grazie all'accordo raggiunto con il ministero, almeno una parte degli insegnanti trasferiti a centinaia di chilometri dalle proprie famiglie possono sperare di riavvicinarsi a casa".

È stata inoltre raggiunta un'intesa sull'opportunità di garantire una sede di servizio nel comune di residenza ai docenti con figli gravemente disabili.

Roma, 21 giugno 2017

 
ATA

 Si è svolto martedi 13 giugno al MIUR il secondo incontro con i sindacati sulle dotazioni degli organici del personale ATA per l'anno scolastico 2017/2018.

Nessuna apertura da parte del Ministero, solo la richiesta di concordare dei criteri di modifica senza variare il numero totale del personale, anzi addirittura con una previsione di un calo di ulteriori unità.
Richiesta inaccettabile da parte dei Sindacati presenti.

Leggi tutto...
 
Comunicato

chiamata_diretta_12_04_17"Non abbiamo firmato il contratto sulla mobilità 2017/2018 per coerenza con la posizione di intransigente contrarietà verso la chiamata diretta e agli ambiti territoriali previsti dalla legge 107/2015".

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti.

"Apprezziamo lo sforzo della ministra Fedeli di tentare una faticosa mediazione per mitigare temporaneamente gli effetti negativi della riforma - afferma Di Meglio - ma non è bastato per superare le criticità maggiori.

Leggi tutto...
 
Comunicato
broken-les-paul1b“Dimezzare le due ore settimanali di esecuzione di strumento nei licei musicali è un grave errore che rischia di inficiare la preparazione professionale degli allievi”.
Ad affermarlo è la Gilda degli Insegnanti che critica con forza la decisione del Governo di trasformare una delle due ore in ascolto musicale.
“Si tratta di un provvedimento che snatura l’indirizzo di questo tipo di scuola, istituiti da una legge ad hoc nel 2010, e la cui motivazione è chiaramente di natura economica. Ma le esigenze di risparmio - sottolinea la Gilda - non possono ricadere sulle spalle degli alunni la cui formazione deve essere necessariamente di alto livello, in quanto consente l’accesso diretto al Conservatorio e all’Afam”.
“Ricordiamo che, con una sentenza del 2015, il Tar del Lazio, accogliendo il ricorso di un gruppo di docenti e genitori del liceo musicale “G. Bruno” di Roma, ha disposto l’annullamento della nota ministeriale sull’assetto orario. Chiediamo dunque che il provvedimento del tribunale amministrativo venga reso esecutivo e - conclude la Gilda - ci uniamo agli ormai numerosi comitati di genitori che stanno raccogliendo firme in tutti i licei musicali d’Italia”.
Roma, 7 luglio 2017

 

 tiltSegreterie in tilt e avvio del prossimo anno scolastico a rischio caos. A lanciare l'allarme è la Gilda degli Insegnanti che, raccogliendo le testimonianze provenienti da tante scuole in tutta Italia, fotografa una situazione al collasso.

"L'enorme mole di domande per i nuovi inserimenti e l'aggiornamento delle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia - spiega il sindacato - si somma alle già numerose incombenze, tra cui i vari monitoraggi, le pratiche per i pensionamenti e gli esami di Maturità, che pesano sulle segreterie. Questo aggravio di lavoro sta provocando un ingorgo tale da paralizzare quasi l'attività e tutto ciò causerà inevitabilmente un ritardo nella definizione delle graduatorie, con conseguenti ripercussioni sul regolare inizio dell'anno scolastico 2017/2018".

"Inoltre - sottolinea la Gilda - con ogni probabilità si verificheranno problemi nelle nomine dei supplenti perché le scuole non sapranno se chiamare i docenti in base alle vecchie graduatorie o se attendere quelle nuove. Il rischio è che anche per il prossimo anno vengano stipulati contratti con la formula 'fino ad avente diritto' che, come abbiamo più volte ribadito, rappresenta un abuso giuridico".

Roma, 27 giugno 2017

 
Comunicato

 salvadanaio-rotto1"A fronte di un aumento in busta paga che si prospetta irrisorio, appena 48 euro medi netti pro capite dopo 8 anni di mancato rinnovo contrattuale, sarebbe inaccettabile chiedere ai docenti ulteriori aumenti di carichi lavorativi". È quanto dichiara Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, dopo l'incontro avvenuto questa mattina al Miur.

"La perdita del potere di acquisto ammonta a circa 130 euro netti pro-capite, una cifra molto alta - sottolinea Di Meglio - se si considera che gli stipendi degli insegnanti sono tra i più bassi del pubblico impiego".

"Come condizione minima, chiediamo che la partita del contratto si chiuda senza altri danni, ovvero senza un peggioramento degli istituti contrattuali vigenti e senza modifiche alla struttura della retribuzione. In altri termini, - spiega il coordinatore della Gilda - nessuno tocchi gli scatti di anzianità che rappresentano l'unica possibilità di incremento stipendiale per gli insegnanti. Ricordiamo che abbiamo già perso la progressione di carriera relativa al 2013 e che i neo assunti non godranno dello scatto intermedio".

"Per rimpinguare i fondi previsti per il rinnovo, durante la trattativa all'Aran chiederemo di destinare al rinnovo del contratto le risorse spesso sprecate della legge 107/2015, come quelle erogate per il bonus del merito".

"Il contratto - conclude Di meglio - deve servire concretamente a valorizzare la funzione docente e a tutelarla dall'eccesso di burocrazia e dagli impegni impropri che la soffocano, per permettere agli insegnanti di dedicarsi all'attività didattica"

Roma, 14 giugno 2017

 
Comunicato

dislike "Oltre ai modi, anche i tempi sono del tutto sbagliati: sulla chiamata diretta non ci siamo proprio e confermiamo la nostra netta contrarietà verso l'accordo sottoscritto tra il Miur e gli altri sindacati rappresentativi e che, in piena coerenza con la nostra posizione, non abbiamo firmato".

È quanto afferma Rino Di Meglio,coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, in merito alle riunioni dei collegi dei docenti convocate in questi giorni dai dirigenti scolastici per scegliere i criteri da seguire nell'individuazione degli insegnanti da inserire negli organici delle scuole.

"Con le procedure di mobilità e le assegnazioni provvisorie ancora aperte - spiega DiMeglio - è totalmente illogico convocare adesso i collegi dei docenti.

Si rischia soltanto di perdere tempo nel deliberare criteri che poi, a operazioni di trasferimento concluse, potrebbero rivelarsi inadeguati rispetto al fabbisogno degli istituti scolastici.

Perciò - conclude il coordinatore dellaGilda - invitiamo i docenti ad astenersi dal voto al buio".

 

Roma,10 maggio 2017

 
Comunicato
consiglioministri2011“La Buona Scuola fa un passo avanti e due indietro. Rispetto alle stesure originarie di alcune deleghe della legge 107/2015, i decreti attuativi che questa mattina hanno ottenuto il via libera del CdM risultano più confusi e in talune parti peggiorati”. È un giudizio in chiaroscuro quello espresso da Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, sul pacchetto scuola approvato questa mattina dal Consiglio dei Ministri.
“Ovviamente ci riserviamo un’analisi più approfondita dopo l’esame dettagliato dei testi dei decreti - precisa Di Meglio - ma da quanto si evince finora restiamo perplessi riguardo alcune scelte adottate dal Governo. Anche sul fronte delle risorse stanziate, è evidente che sono del tutto insufficienti per realizzare gli interventi promessi nei decreti. Resta comunque fermo il nostro dissenso sulla legge 107 e continueremo a batterci affinché venga modificata”.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 19