CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

EMERGENZA PRECARI, REPORT INCONTRO DEL 12 MARZO AL MIUREMERGENZA PRECARI, REPORT INCONTRO DEL 12 MARZO AL MIUR
EDUCAZIONE CIVICA, GILDA ILLUSTRA PROPOSTE IN 7^ COMMISSIONE CAMERAEDUCAZIONE CIVICA, GILDA ILLUSTRA PROPOSTE IN 7^ COMMISSIONE CAMERA
Mobilità scuola 2019/2020, le date per le domandeMobilità scuola 2019/2020, le date per le domande
Indizione Concorsi per titoli per l'accesso ai ruoli provinciali, relativi ai profili professionali dell'Area A e B del personale ATA. Informativa del 5 marzo 2019Indizione Concorsi per titoli per l'accesso ai ruoli provinciali, relativi ai profili professionali dell'Area A e B del personale ATA. Informativa del 5 marzo 2019

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

CONFERMATO LO SBLOCCO DELLE NOMINE PER L'ESTERO DAL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO 2015- 2016
Scuole italiane all'estero

maeNELL'INCONTRO DEL 13 FEBBRAIO 2015 DELLE OO.SS. CON LA DELEGAZIONE DI PARTE PUBBLICA MAE-MIUR 

"PROPOSTE DI RIFORMA LEGISLATIVA DEL MAECI SULLE SCUOLE ED ISTITUZIONI SCOLASTICHE ITALIANE ALL'ESTERO"

In data 13 febbraio 2015 il Ministero degli Affari Esteri ha convocato un incontro, presieduto dall'Ambasciatore Meloni, con la Delegazione di parte sindacale. Unico punto all'ordine del giorno: proposte di riforma legislativa.
Alle OO.SS, come purtroppo accade sempre più di frequente, non era stata anticipata dall'Amministrazione alcuna documentazione sull'argomento all'odg.
Nell'incontro, i DD.GG della DGSP del MAECI, Ambasciatore Andrea Meloni, e degli Ordinamenti Scolastici e per l'Autonomia Scolastica del MIUR, Dott.ssa Carmela Palumbo, hanno esplicitato le proposte che i due Ministeri intendono di concerto presentare.

La finalità delle proposte riguarda la revisione delle norme legislative che regolano il settore scolastico e culturale italiano all'estero, incidendo sulla tipologia dell'offerta formativa e sulla missione culturale delle istituzioni scolastiche stesse.

Le motivazioni che spingono verso la revisione del sistema, secondo l'Amministrazione, sono relative alla presenza maggioritaria di studenti non italiani nella frequenza degli insegnamenti e il limite imposto delle risorse finanziarie dopo i tagli operati.
La Gilda degli Insegnanti, rispetto agli interventi di riforma prospettati, mirati all'adeguamento della normativa esistente sul sistema scolastico pubblico estero, ha ribadito al tavolo negoziale che opererà in funzione della tutela della professione docente esercitata nelle Scuole e nelle istituzioni scolastiche italiane all'estero.
La Gilda degli Insegnanti e le altre OO.SS hanno sottolineato con fermezza la necessità che gli eventuali interventi sul rapporto di lavoro del personale vengano gestiti in sede negoziale e non per decreto legge.

Sulle riforme di sistema, altresì, le OO.SS si sono riservate di giudicare e valutare auspicando un confronto in riunioni sui temi discussi nell'incontro.
L'Ambasciatore Meloni, infine, a seguito delle specifiche richieste delle OO.SS circa il nuovo contingente, ha comunicato che -nel rispetto dell'obiettivo imposto dai tagli della spending review (riduzione a 624 del numero complessivo degli addetti, previsto dalla legge Monti)- sarà possibile sbloccare circa 150 nomine per l'anno scolastico 2015-2016, con l'impegno della DGSP a predisporre la destinazione all'estero del personale di ruolo in graduatoria e la copertura di tutti i posti vacanti.

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon