CCNL 2016-18

schede_ccnl_parte_comune
schede_ccnl_parte_scuola_fw
schede_ccnl_parte_economica

Ultime Notizie

Selezione docenti e ATA per scuole italiane all'estero. Domanda entro il 28 gennaio 2019Selezione docenti e ATA per scuole italiane all'estero. Domanda entro il 28 gennaio 2019
Assicurazione civile e infortuni - AIG EUROPE LIMITED e GILDAAssicurazione civile e infortuni - AIG EUROPE LIMITED e GILDA
A proposito del periodo di prova del personale ATA. Cosa prevede il nuovo CCNL 2016/2018A proposito del periodo di prova del personale ATA. Cosa prevede il nuovo CCNL 2016/2018
AGGIORNAMENTI SU CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA , PENSIONI E MOBILITÀ 2019/20. AGGIORNAMENTI SU CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA , PENSIONI E MOBILITÀ 2019/20.

Dipartimenti

AFAM
Ricerca
Università

Login




cicogna

 

 

Il Tribunale di del lavoro di Trani dice di si alla stabilizzazione dei precari della Scuola.
Ufficio Legale
Tribunale-traniIl Tribunale del lavoro di Trani, accogliendo le tesi difensive proposte dallo Studio Legale Ranieri, ha dichiarato il diritto di due lavoratori della scuola (un docente ed un amministrativo), precari "di lungo corso" a considerarsi assunti a tempo indeterminato fin dalla data del loro primo contratto.

 Il Ministero è stato altresì condannato al pagamento di un risarcimento pari ad una mensilità per ogni anno di precariato.

 

Nella sentenza il Giudice ha sanzionato il M.I.U.R. per l'utilizzo abusivo dei contratti di lavoro precario, interpretando la normativa nazionale in maniera conforme ai principi comunitari espressi in una direttiva CEE (70 del 1999) che impegna gli Stati aderenti alla CEE a creare un quadro normativo per la prevenzione e la repressione degli abusi derivanti dall'eccessivo precariato.

Nella legislazione italiana vigente è previsto il diritto di tutti i lavoratori (privati) che abbiano lavorato per più di tre anni ad essere "stabilizzati" di diritto, mentre è noto che vi sono nel pubblico impiego e soprattutto nella Scuola, lavoratori precari (docenti e non) che annualmente vengono assunti a tempo determinato per ricoprire supplenze e cattedre (stabilmente) vacanti.

La sentenza del Tribunale di Trani, lungamente motivata ed articolata, fa dunque ragione di questa ingiustificata discriminazione sanzionando anche il datore di lavoro pubblico che incorra in tale abusi.

 

 

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon