Decontribuzione delle lavoratrici madri

Martedì, 26 Marzo 2024 20:02
Le istanze andranno presentate tramite SIDI entro e non oltre l’8 aprile 2024.

Si è appena concluso l’incontro promosso da MIM durante il quale è stata fornita l’informativa sulla legge e sulle modalità e tempi per presentare dalle interessate le richieste del beneficio.

L’art.1 commi 180,181 e 182 della Legge 30 dicembre 2023, n.213 (legge di bilancio) prevede l’esonero del 100 per cento della quota dei contributi previdenziali per l’invalidità la vecchiaia e i superstiti dal versamento dei contributi previdenziali dovuti dalle lavoratrici madri di 3 o più figli, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato per i periodi di paga dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026.

La norma riguarda sia le lavoratrici private che quelle pubbliche per cui sono interessate al beneficio anche le lavoratrici madri di 3 o più figli di cui 1 di età inferiore a 18 anni, in servizio a tempo indeterminato nelle Scuole statali di ogni ordine e grado.

Per non appesantire il lavoro delle Segreterie scolastiche il Ministero dell’Istruzione e del merito ha stabilito che le interessate devono presentare la domanda del beneficio tramite il SIDI entro e non oltre il giorno 8 aprile 2024.

Per la sola annualità 2024, la norma stabilisce in via sperimentale che possono presentare l’istanza anche le lavoratrici madri di due figli di cui 1 di età inferiore a 10 anni.

La misura si sostanzia in un abbattimento totale della contribuzione previdenziale dovuta dalla lavoratrice, nel limite massimo di 3000 euro annui da parametrare su base mensile.

Il dott. Greco ha comunicato che entro oggi sarà diramata un circolare agli USR ed alle Scuole per comunicare l’attivazione dell’applicazione SIDI ed il termine ultimo per presentare le domande che resta fissato all’8 di aprile del 2024.

Su richiesta della nostra delegazione presente, l’Amministrazione ha chiarito che saranno diramate ulteriori istruzioni per le lavoratrici che matureranno, durante la vigenza della norma, il diritto al beneficio o a seguito della nascita del terzo figlio e della nomina a tempo indeterminato.

La delegazione FGU

Visualizzato 95 volte Last modified on Mercoledì, 27 Marzo 2024 07:05